Nonostante le recenti bufere che sono imperversate attorno ai test di ammissione a Medicina e quelli relativi all’accesso alle scuole di specializzazione, buone notizie sono all’orizzonte di tutti gli aspiranti medici. A dare la buona novella lo stesso ministro Giannini che, impettita d’orgoglio, ha annunciato che il Governo è riuscito a stabilizzare per gli anni a venire la cifra di 6.000 borse di specializzazione raggiunta con impegno nel corso dell’ultimo concorso.

Specializzazioni Medicina, stabilizzato il numero delle borse al bando

A partire dall’anno prossimo,6.000 posti per le scuole di specializzazione a Medicina saranno non più un’eccezione, come si temeva quest’anno, ma la regola. Con uno sforzo di considerevole spessore, il Governo Renzi è riuscito ad aumentare le risorse finanziarie stanziate a quota 57 milioni di euro per il 2016, 86 per il 2017, 126 milioni per il 2018, 70 milioni per il 2019 e 90 milioni per il 2020. Cifre rassicuranti, la cui progressione a scalare è giustificata dal fatto che a partire dal 2018 dovrebbero arrivare i primi risparmi ottenuti grazie alla riforma dei corsi di specializzazione, ridotti di un anno rispetto al passato per una durata media del percorso formativo che si aggira attorno ai 3-4 anni.

Fino a 8.000 posti complessivi ogni anno

Una vera e propria “boccata d’ossigeno” che “continua il trend positivo iniziato quest’anno”, spiega Andrea Lenzi, presidente del Consiglio Universitario nazionale e presidente della Conferenza dei Presidi dei corsi di laurea in Medicina. Alle 6.000 borse a regime – spiega – si aggiungeranno in media 500 ulteriori borse regionali e 1.500 posti sul territorio, portando il bacino complessivo ad una capienza di 8.000 posti.

Così facendo ci si avvicinerebbe molto all’ambito obiettivo di raggiungere l’uguaglianza tra le immatricolazioni e le borse disponibili, scongiurando così il pericolo di creare scompensi.

Concorso 2015, ultimo scorrimento: nessuna proroga

Intanto il Miur ha comunicato che il 21 ottobre ci sarà la pubblicazionedell’ultimo scorrimento delle graduatorie del concorso per le specializzazioni in Medicina 2015, fugando ogni dubbio a proposito di eventuali proroghe, come richiesto dal Coordinamento Mondo Medico pochi giorni fa.

Sul sito del Miur si legge che, alla data del 14 ottobre, dei 6.000 posti messi a concorso la quasi totalità risultava assegnata. Per tali studenti che hanno proceduto all’immatricolazione, dal prossimo 1 novembre inizieranno le attività didattiche, mentre per quel che riguarda le borse non assegnate queste “verranno riassegnate nel prossimo anno accademico, secondo quanto previsto dall’articolo 10 del bando”.

Segui la nostra pagina Facebook!