Il mese di novembre 2015 finirà nel peggior modo possibile per i milioni di pendolari italiani che durante la serata di giovedì 26 e l’intera giornata di venerdì 27 saranno chiamati ad affrontare un nuovo ed imponente sciopero dei trenie di tutti i servizi ferroviari. Le aziende Trenord, NTV Italo e Ferrovie dello Stato hanno infatti comunicato ufficialmente come prenderanno parte alla mobilitazione proclamata da USB Lavoro, Cat e Cub Trasporti per difendere il settore ferroviario dalla privatizzazione voluta dal Governo italiano.

Prima di entrare nel dettaglio con orari e fasce protette si ricorda come la sciopero sarà caratterizzato da una diffusione nazionale anche se i maggiori disagi si faranno sentire certamente in tutte le maggiori metropoli (a Milano bloccati anche i servizi di collegamento aeroportuale del Malpensa Express).

Sciopero ferroviario Trenord, Ferrovie dello Stato ed Itali del 26 e 27 novembre 2015

La sospensione del lavoro proposta dalle famose sigle sindacali punta a destabilizzare la situazione sulla linea ferroviaria ed attrarre così le attenzioni del Governo per l’apertura di un nuovo dialogo.

Proprio per questo motivo, tutti i lavoratori che incroceranno le braccia lo faranno per ben 21 ore arrecando parecchi danni a tutti i cittadini italiani che quotidianamente utilizzano i treni come mezzi di trasporto. Lo sciopero inizierà ufficialmente alle ore 21.00 di giovedì 26/11 e proseguirà fino alle ore 18.00 della giornata successiva con un'unica pausa di 3 ore tra le ore 6 e le ore 9 del mattina per garantire la cosiddetta fascia protetta durante la quale tutti i cittadini avranno comunque a disposizione i servizi ferroviari per potersi recare a scuola o al lavoro.

Concludendo, si evidenzia come durante le due giornate nere la situazione lungo la rete italiana sarà visibile in tempo reale attraverso le applicazioni mobili delle tre diverse compagnie che permetteranno, dunque, a tutti gli italiani di scoprire in diretta i minuti di ritardo dei vari treni e tutti le probabili cancellazioni.

Segui la pagina Politica
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!