L'Italia è un Paese alquanto bizzarro, problematico e oneroso, poiché si intervalla spesso tra le contestazioni attuate dai lavoratori e le tanto temute tasse, che i contribuenti si ritrovano da versare ogni mese. Oggi tanto per rimanere sull'argomento proteste, vi segnaliamo alcuni importanti scioperi che andranno a riguardare il settore della Scuola e quello sanitario, per il mese di novembre e dicembre 2015. Terminato il servizio online, avrete la facoltà mediante un video di visionare le immagini dello Sciopero Generale della Scuola contro la Riforma del Premier Matteo Renzi.

Scioperi Generali: Scuola, Medici, novembre/dicembre 2015

MIUR: si preannuncia lo sciopero generale proclamato dai sindacati Unicobas/Scuola, che si svolgerà a Roma venerdì 13 novembre e andrà a coinvolgere tutto il comparto scuola, compresi i docenti ed ATA, gli addetti a tempo determinato e indeterminato e si protrarrà per un intero giorno. Come si legge in una nota dei Cobas, la protesta verrà attuata per contrastare la devastante legge 107, della quale si richiede la revoca.

Pubblico Impiego: l'Usb del Pubblico Impiego ha indetto uno sciopero a livello nazionale che includerà anche il Comparto Scuola, le proteste si terranno venerdì 20 novembre nelle città di Roma, Milano e Napoli.

La serrata si prolungherà per un'intera giornata e servirà per bloccare l'offensivo annuncio di rinnovo dei contratti ai pubblici dipendenti.

Servizio Sanitario Nazionale: tutte le sigle sindacali hanno annunciato uno sciopero generale che implicherà i Pediatri, i Medici di famiglia e i Medici del Ssn. Il blocco avrà luogo mercoledì 16 dicembre e durerà per un intero giorno e darà voce ai Sanitari, che solleciteranno l'interesse per la salute dei cittadini e la coscienza delle controproducenti e difficili conseguenze che possono causare le liste d'attesa, le precarietà lavorative e sul diritto alla salute.

Anche per oggi abbiamo concluso questo articolo, nonostante ciò, vi suggeriamo di continuare a seguirci per rimanere sempre informati e aggiornati sulle novità lavorative in corso per l'anno 2015/2016, sarà sufficiente effettuare un singolo click sul pulsante 'Segui' in alto a destra vicino al nome dell'autore.

Segui la nostra pagina Facebook!