La domanda che tutti hanno iniziato a porsi durante le feste natalizie è quella che riguarda l'inizio dei saldi invernali 2016. Per una decisione presa a livello nazionale, nel 2016 i saldi prenderanno avvio nella stessa data in tutte le regioni, si tratta del 5 gennaio, tranne in Sicilia, che vedrà l'inizio con quale giorno di anticipo, cioè il 2 gennaio. Secondo le previsioni dell'Unione Nazionale dei Consumatori, si tratterà di saldi piuttosto importanti con sconti da record, e la motivazione non è delle migliori: i commercianti saranno costretti ad abbassare di molti i prezzi, perché il calo dei consumi, anche durante le feste di Natale, è stato piuttosto deciso.

Ecco tutte le informazioni utili e i consigli della Confesercenti.

Quali i prodotti più scontati? Ecco le info sui saldi invernali 2016

Secondo una stima della Unc sulla base dei dati Istat sul trend degli ultimi anni (2011-2015), ecco quali saranno i prodotti che dovrebbero essere maggiormente scontati in questi saldi invernali 2016: i vestiti dovrebbero avere sconti in media del 31% mentre scarpe e calzature del 27,5%, in calo gli accessori che non dovrebbero superare il 15,37%. Si tratta di stime generiche e quindi bisogna vedere cosa accadrà alla prova dei fatti, ma è chiaro che, in tempi di crisi, i saldi rappresentano il momento dell'anno in cui il consumatore 'medio' può permettersi di acquistare un prodotto al quale, altrimenti, non potrebbe avere accesso.

Il 'decalogo' Confesercenti sui saldi invernali 2016

L'attesa per i saldi invernali 2016è sempre più alta, ma cresce contemporaneamente il timore di ricevere qualche fregatura. In questo senso, la Confesercenti di Siena ha rilasciato un decalogo, valido per consumatori e commercianti, sul buon uso dei saldi invernali:

  • aspettare l'inizio ufficiale del periodo dei saldi
  • mettere in evidenza l'oscillazione sugli sconti praticati (ad esempio, dal 30 al 50%)
  • evitare di evidenziare sconti generici che poi valgono soltanto per alcuni prodotti
  • dividere con accuratezza e senza creare confusione le merci che sono sottoposte ai saldi invernali e quelle che non sono sottoposte a sconti
  • mettere in evidenza il prezzo d'origine e il prezzo con lo sconto
  • permettere che si paghi utilizzando le carte di credito o le carte bancomat
  • permettere la visibilità degli interni dei negozi
  • permettere che la merce acquistata con i saldi invernali possa essere cambiata
  • attuare eventuali riparazioni se il cliente le richiede
  • utilizzare un atteggiamento di massima cortesia

Per aggiornamenti sui saldi invernali e le offerte, cliccate su 'Segui' in alto sopra l'articolo.

Segui la nostra pagina Facebook!