Perché un docente dovrebbe lamentarsi se lo stipendio di dicembre non arriva? C'è sempre la tredicesima, che in queste ultime ore è stata erogata al personale della Scuola. Sì, gli stessi docenti che da settembre attendono la retribuzione mensile, causa dei fondi che non ci sono. Il Mef accusa il Miur di non aver sbloccato le coperture economiche necessarie per il pagamento dei contratti a tempo determinato e intanto risultano non versati nemmeno le ore di insegnamento risalenti al giugno 2014. Una situazione gravosa che sembra non sbloccarsi lasciando gli insegnanti senza stipendio a Natale, e con una presa in giro: la tredicesima di 1 euro.I sindacati consigliano ai docenti di tutelarsi facendo ricorso e pare che a partire dal 20 dicembre - nel caso le emissioni non dovessero arrivare - saranno avviate le prime ingiunzioni per ottenere gli arretrati.

Tredicesima di 1 euro, e manca lo stipendio

Ha fatto scalpore l'articolo di alcuni giorni fa in cui si metteva in evidenza il fatto che i docenti fossero andati alla Caritas. E non si è parlato dei numerosi docenti che hanno preso servizio al di fuori della propria regione di residenza e pagano un affitto (molti anche un primo affitto dove abita la propria famiglia). Tre mesi senza stipendio, problematica che avrebbe dovuto sbloccarsi in questi giorni con un'emissione speciale e con l'erogazione della tredicesima, e invece i tempi paiono allungarsi.

Il Ministero della Pubblica Istruzione avanza un anuova promessa: a gennaio 2016 tutto sarà risolto? Tutto cosa, in realtà? Lo stipendio di circa 80mila docenti è stato bloccato proprio nel mese di novembre in cui con la stipula di contratti annuali, delle nuove immissioni in ruolo e i nuovi rapporti di lavoro per gli aventi diritto, le segreterie si trovavano in difficoltà. Nella giornata di oggi si apprende che i docenti stanno iniziando a percepire la retribuzione mancante, ma in realtà è la tredicesima mensilità di importo di poco meno di 1 euro.

Per alcuni docenti è stato anche possibile consultare un primo cedolino online su Noipa, ma lo stipendio non è presente oltre agli 'importi beffa', come denunciano alcuni sindacati. Una settimana fa sono stati sbloccati 64 mln di euro extra, ma questi 'denari' devono essere distribuiti per la copertura di tutti i contratti e i periodi di servizio effettuati, cosa si attende?

Mef contro Miur, la diatriba

Abbiamo avuto notizia di alcuni docenti con contratto fino a 30/06/2016e/o a tempo determinato di sostituzione di un docente di ruolo o con contratto di supplenza breve che hanno avuto una busta paga con attesa di conguaglio, con la liquidazione di competenze e trattenute, e una tredicesima mensilità che si aggira intorno ad un importo di pochi centesimi e fino a un euro. Il Mef dichiara di non aver colpa nella mancata liquidazione delle competenze spettanti e che sia stato il Miur a non aver accreditato tempestivamente i fondi destinati al pagamento dei supplenti oltre a richiedere l'esecuzione di operazioni di controllo che rallentano il sistema di liquidazione e delle emissioni.

Ma anche il Miur dice la sua, dichiarando che sia stato lo stesso Mef a non erogare le somme promesse ai docenti fin da ottobre con le emissioni speciali, liquidando sono i contratti brevi, di somme 'irrisorie', come i contratti fad di poche ore. Molti docenti che al momento non hanno avuto altro incarico a seguito della risoluzione del rapporto di lavoro fino all'avente diritto hanno ottenuto il pagamento dello stipendio di ottobre e novembre, ma si attende ora quello di novembre e dicembre per i docenti che ancora sono in classe. Meno male che il Mef e il Miur hanno pensato almeno di erogare la tredicesima.

Se desideri dire la tua, commenta qui sotto, e seguici cliccando su 'segui' in alto alla tua sinistra; puoi anche votare la news cliccando sulle 5 stelle in alto a sinistra.

Segui la pagina Scuola
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!