Previsto per febbraio in aggiunta alla Naspi, il nuovo assegno di disoccupazione denominato Asdi dopo che sarà pubblicato sulla Gazzetta ufficiale ildecreto numero 13 del 29 ottobre. Il debutto di questo ulteriore sussidio di disoccupazione che affiancherà il Naspi avverrà il prossimo febbraio in quanto potranno usufruirne i lavoratori che hanno percepito il sussidio dell' Inps entro il 31 dicembre 2015 e per l'intera durata massima.

In cosa consiste l'Asdi, durata e importi

Asdi, il nuovo assegno di disoccupazione 2016, è un sussidio che spetta a quei lavoratori che, dopo aver usufruito della Naspi per tutta la sua durata massima, rimangono nelle condizioni di disoccupati, in condizioni economiche di bisogno o sono ormai prossimi ad andare in pensione.

La durata massima dell'assegno è di 6 mesi, viene erogato dall'Inps ed è pari al 75 per cento dell'ultimo importo della Naspi percepito ma che comunque non può superare la cifra di 448,07 euro che corrisponde all'assegno sociale 2016; la cifra può essere però superiore se sussistono carichi familiari. Per un figlio a carico ci saranno ulteriori 89,70 euro; con due figli a carico 116,60 euro; con tre figli a carico 140,80 euro e con 4 o più figli a carico 163,82 euro.

Requisiti per poter avvalersi del nuovo assegno di disoccupazione

Per poter avvalersi del nuovo assegno di disoccupazione è necessario che i lavoratori che ne fanno richiesta siano in possesso di alcuni requisiti fra i quali, come abbiamo anticipato, aver usufruito della Naspi per dell'intero periodo e trovarsi ancora nella condizione di disoccupazione;

  • avere più di 55 anni senza aver maturato i requisiti pensionistici e appartenere ad un nucleo familiare in cui è presente almeno un minore;
  • essere in possesso dell'Isee che non superi i 5 mila euro;
  • non aver percepito l' Asdi per periodi pari o superiori ai 6 mesi durante l'anno precedente;
  • aver dato la propria disponibilità al Centro per l'impiego per un progetto personalizzato di reinserimento nel mondo del lavoro.
Segui la pagina Pensioni
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!