"Qualcuno ci ha fatto lo sgambetto" ha dichiarato il Presidente Inps Tito Boeri durante un'intervista rilasciata per Sky TG 24, riferendosi alla richiesta di finanziare l'invio delle buste arancioni nelle case degli italiani. Si tratta delle proiezioni sulle future mensilità previdenziali erogate dall'Inps una volta che i lavoratoriavranno raggiunto il traguardo della pensione, sulla base delle attuali regole di contribuzione. "Voci dicono che sia stato fatto perché noi abbiamo proposto di tagliare i vitalizi" sottolinea il tecnico, spiegando che "se fosse vero sarebbe un fatto gravissimo".

D'altra parte, l'economista rimarca come l'eliminazione delle righe dall'emendamento riguardante il finanziamento delle spese postali sia stato perpetrato per due volte, fatto che difficilmente può essere addebitato al caso. Oltre a ciò, l'invio delle buste arancioni non sarebbe costato nulla al rigore dei conti, visto che la richiesta effettiva consisteva nello spostare delle somme già stanziate all'interno delbilanciodell'istituto di previdenza.

Pensioni anticipate 2016, si torna a discutere di meccanismi flessibili

Stante la situazione, tra gli argomenti trattati all'interno dell'intervista vi è anche quello delle uscite anticipate. Boeri ha infatti chiesto di sfruttare l'apertura alla flessibilità di Bruxelles per riuscire a realizzare un sistema maggiormente flessibile, sempre ottemperando agli obblighi di bilancio e di sostenibilità futura dei conti.

In questo senso, mandare le persone in pensione prima "è possibile [...] senza violare le regole europee", mentre si realizzerebbecontemporaneamente anche l'importante obiettivo di aiutare la generazione giovanile a trovare lavoro facendo ripartire il turn over. Ma l'intervento potrebbe essere importante anche per la lottacontro il tasso di povertà; le proposte fatte negli scorsi mesi dall'Inps prevedevano infatti delle specifiche misure in favore degli over 55enni che hanno perso il posto di lavoro.

Anche perché il Bel Paese resta ancora scoperto sul discorso del reddito di sostegnoin situazioni di disagio, soprattutto se si effettua il paragone rispetto alle altre nazioni europee.

E voi, cosa pensate delle dichiarazioni rilasciate dal Presidente Inps Tito Boeri? Fateci conoscere la vostra opinione in merito condividendo un nuovo commento tramite l'apposita funzione, mentre per ricevere tutte le prossime notizie di aggiornamento sul tema della previdenza vi ricordiamo di cliccare il comodo pulsante "segui" che trovate in alto, vicino al titolo dell'articolo.

Segui la pagina Pensioni
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!