Si è svolta sabato 6 febbraio la manifestazione dei lavoratori, volta a scuotere il governo sul tema relativo alla cosidetta quota 41, contenuta nel disegno di legge Damiano, numero 857. La nuova proposta consentirebbe un'uscita precoce dal mondo del lavoro, a 62 anni, con almeno 35 anni di contributi versati e una penalità dell'8%. Il testo della nuova legge consentirebbe ai lavoratori precoci di potere beneficiare della pensione già dopo 41 anni di contributi versati, senza dovere subire decurtazioni all'assegno Inps.

Altre novità sono state annunciate dallo stesso ministro Damiano e dal deputato Maria Luisa Gnecchi, in tema di ricongiunzioni dei contributi previdenziali Inps, con il governo impegnato a trovare una soluzione per tutti coloro che nonostante abbiano accumulato il montante decisivo per ottenere la pensione, sono costretti a dovere versare una cifra elevatissima per ricongiungere i contributi versati ad enti previdenziali differenti.

Damiano ha avallato la tesi di coloro che lamentano i costi eccessivi da sostenere per il ricongiungimento dei contributi, di fatto, già versati nelle casse previdenziali, e che dovrebbero essere fatti confluire senza ulteriore aggravi per i contribuenti.

Il dibattito aperto sulla Legge Fornero

È sempre acceso il dibattito relativo alla Legge Fornero e le possibili modifiche al testo normativo sul quale il governo sta lavorando da tempo. Il leader della Lega, Matteo Salvini, che sta facendo dell'abrogazione della Legge Fornero un'autentica battaglia di principio del proprio partito. è intervenuto nel corso della trasmissione di La7, Piazza Pulita, ribadendo l'esigenza di salvaguardare i diritti dei pensionati precoci e degli esodati, 'vittime della Legge Fornero' e ha promesso battaglia in Parlamento per l'abrogazione del testo normativo, approvato dal governo allora presieduto da Mario Monti.

Proprio i pensionati precoci sono stati i veri protagonisti della manifestazione dei lavoratori svoltasi il 6 febbraio, mirata a dare una soluzione definitiva all'annosa querelle legata agli esodati.

Segui la nostra pagina Facebook!