Emergono dei dettagli riguardo alla tematica delle pensioni anticipate. In particolare per la rigidità della legge Fornero, coloro che sono entrati nell'ambito lavorativo nel 1995 hanno diritto alla liquidazione del trattamento pensionistico. Ci sono due opportunità. La pensione infatti può essere riconosciuta con 42 anni e 10 mesi di contributi oppure con 66 anni e 7 mesi di età. Oltre a tali requisiti però si potrebbe andare in pensione anche a 63 anni e 7 mesi a condizione che vengano riconosciuti venti anni di contributi effettivi e che l'importo della prima rata della pensione non sia inferiore a 1250 euro.

Si tratta di un importo che è 2,8 volte maggiore dell'assegno sociale. Un privilegio solo per pochi.

Grandi limitazioni

Questa è un'opportunità di pensione anticipata che consiste nell'anticipare l'età pensionabile di tre anni rispetto ai requisiti standard. La legge però prevede una forte rigidità. L'agevolazione attualmente non si applica a coloro che rientrano nel sistema misto. Il raggiungimento della soglia infatti prevede un grande vincolo poichè potranno raggiungere 1250 euro soltanto coloro che nella loro carriera lavorativa hanno avuto un'elevata retribuzione.

Proposta di Tito Boeri

La proposta di Boeri dello scorso anno infatti prevedeva delle grandi modifiche alla legge Fornero cercando di applicare l'agevolazione anche a coloro che appartenevano al sistema misto. In particolare si darebbe la possibilità anche a questi lavoratori di andare in pensione con tre anni di anticipo ma con una decurtazione dell'assegno pensionistico del 9 per cento nel caso di massimo anticipo.

La decurtazione andrebbe poi aridursi del 3 per cento per ogni anno di ritardo dell'uscita ed andrebbe ad azzerarsi in corrispondenza dei 66 anni e 7 mesi. La proposta Boeri inoltre dà la possibilità ai datori di lavoro di pagare i contributi mancanti per integrare l'assegno fino alla soglia prevista dalla legge. I beneficiari andrebbero così ad aumentare e la pensione anticipata non sarebbe più un privilegio per pochissime persone.

Segui la pagina Pensioni
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!