La prima prova scritta del prossimo concorso docenti è ormai imminente, il prossimo 12 aprile saranno comunicate ai candidati con certezza le date. Intanto, un'ulteriore polemica si affaccia all'orizzonte, ossia che la discrezionalità delle commissioni regionali ( le quali sono presiedute da un professore universitario o da un dirigente tecnico o da un dirigente scolastico e sono composte da due docenti) che correggeranno i compiti potrebbe fare la differenza per i singoli candidati. Vediamo maggiori dettaglio a riguardo.

Il paradosso:un compito bocciato in Lombardia potrebbe essere giudicato meritevole Campania

Le prime sei domande della prova scritta del concorso docenti essendo a risposta aperta fanno si che non ci sia una risposta "esatta" in assoluto, da ciò consegue che un quesito bocciato in Lombardia potrebbe essere meritevole in Campania. La risposta esatta è invece prevista per i 10 sotto-quesiti delle due domande in lingua straniera (ricordiamo che a queste domande il voto massimo attribuibile è di 7 punti). In un'altra news vi abbiamo proposto un simulatore gratuito per esercitarvi sulle domande chiuse in lingua. In ogni caso il voto minimo per superare lo scritto è di 28/40. Con molta probabilità la prova scritta potrebbe svolgersi dal 28 aprile a seguire su due turnazioni, una alla mattina e una al pomeriggio.

Le sei domandea risposta aperta saranno:

  • per i posti comuni: sulla trattazione articolata di tematiche disciplinari, culturali e professionali, volti all’accertamento delle conoscenze e competenze didattico-metodologiche in relazione alle discipline oggetto di insegnamento;
  • per i posti di sostegno: sulle metodologie didattiche da applicarsi alle diverse tipologie di disabilità, nonché finalizzate a valutare le conoscenze dei contenuti e delle procedure volte all’inclusione scolastica degli alunni con disabilità.

Inoltre, nelleclassi di concorso, dove previsto, ci sarà anche una prova pratica.

La durata della prova è pari a 150 minuti, fermi restando gli eventuali tempi aggiuntivi di cui all’articolo 20 della legge 5 febbraio 1992, n. 104. Icandidati che superano la prova scritta dovranno sostenere anche una prova orale (simulazione lezione in aula 35 minuti e 10 minuti di colloquio), che con molta probabilità si terrà a luglio.

Resta aggiornato sul mondo della scuolapremendoil tasto segui.

Segui la pagina Scuola
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!