Crescono le richieste dei lavoratori esodati riuniti nella rete dei Comitati territoriali per l'avvio di un'ottava salvaguardia parlamentare, dopo che il Ministro del lavoro Giuliano Poletti è intervenuto la scorsa settimana in Senato senza fare riferimenti espliciti alla vicenda. Il nodo del contendere è la presenza di circa 24000 persone che sono rimaste tagliate fuori dalle azioni di tutela delle ultime sanatorie Inps e che chiedono di porre fine alla vertenza. La rete domanda pertanto ai legislatori di impegnarsi per dare garanzie politiche al fine di utilizzare le coperture previste per il fondo esodati in favore degli stessi lavoratori ancora non tutelati, così come previsto dalla legge 228/2012.

Questo perchéallaprova della realtà e nonostante gli evidenti sforzi già compiuti in precedenza, la settima salvaguardia non ha ancora risolto definitivamente il nodo di tutti coloro che si sono visti improvvisamente allungare il lasso di tempo restante per il raggiungimento dei criteri di quiescenza.

Riforma pensioni, tutelare i lavoratori esodati con il prossimo intervento sulla previdenza

Stante la situazione, i Comitati degli esodati chiedono di risolvere definitivamente la situazione, terminando il lavoro iniziatocon la settima salvaguardia prevista nellalegge di stabilità 2016. Dei circa 49500 soggetti individuati correttamente dal Ministero del lavoro e dal Parlamento, metà sarebbero infatti rimasti esclusi da ogni azione di tutela, con tutti i disagi che ne conseguono.

Per questo motivo, i lavoratori invitano rispettivamente l'Inps a chiudere il monitoraggio delle ultime duesalvaguardie e la politica ad utilizzare i fondi residui per l'avvio di un ottavo provvedimento di tutela in favore degli ultimi esodati rimasti. D'altra parte, per vedere quale sarà il possibile feedback della politica si dovrà comunque attendere la finedell'anno.

Secondo le ultime indicazioni, un nuovo intervento correttivo sul tema previdenzialedovrebbe arrivarecon la legge di stabilità 2017; solo inquell'occasione si potrà valutare quali saranno le effettive indicazioni in merito al nodo degli ultimi lavoratori esodati.

Come da prassi, restiamo a disposizione nel caso desideriate condividere con gli altri lettori del sito un commento, mentre per ricevere tutte le prossime notizie di aggiornamento sulle pensioni vi ricordiamo di usare il comodo tasto "segui" che trovate in alto, vicino al titolo dell'articolo.

Segui la pagina Pensioni
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!