Il ministero dell'Istruzione è intervenuto ieri, 12 aprile 2016, con la nota numero 3130 per fornire chiarimenti in merito alla responsabilità dei docenti che accompagnano gli alunni alle gite scolastiche. L'aspetto più rilevante della circolare del Miur è che i prof non hanno alcuna responsabilità di controllo preventivo dei veicoli utilizzatiper trasportare gli alunni e nemmeno sullo stato dell'autista del mezzo. Tuttavia le scuole possono chiedere l'intervento della Polizia stradale per verificare preventivamente la sicurezza del mezzo o l'affidabilità del conducente, nel caso in cui sorgano dei dubbi.

Tale verifica potrà essere richiesta al mattino, prima della partenza, anche per le gite di una sola giornata.

Nota Miur gite scolastiche: quali responsabilità ha il docente?

La nota del ministero dell'Istruzione ribadisce che la precedente circolare dello stesso Miur emessa il 3 febbraio 2016 (la numero 674), va intesa come un documento che dovrà servire alle scuole ad orientarsi nella scelta delle imprese di trasporto alle quali affidare il servizio. Ma, soprattutto, con questa nuova nota il ministero dell'Istruzione ha tenuto a precisare che gli insegnanti ed i dirigenti scolastici sono esonerati da responsabilità o da ulteriori compiti oltre a quelli previsti dal codice civile o dal Contratto collettivo nazionale integrativo.

Responsabilità conducenti per i viaggi di istruzione

Nella circolarevengono ribadite, inoltre, le responsabilità attribuite al conducente del mezzo che dovrà mantenere, per tutta la durata della gita scolastica, un comportamento che non provochi rischi per gli alunni e per gli accompagnatori trasportati. Pertanto, il conducente è responsabile della propria condotta, mentre del controllo sullo stato del veicolo ne risponde la società di trasporto che svolge il servizio.

Di conseguenzaai docenti spettano solo compiti di collaborazione con la Polizia stradale ed in particolare di segnalare eventuali comportamenti dei conducenti che possano risultare rischiosi. Tra questi, nella nota si fa invito ai docenti di rendere presentese il conducente:

  • parla al cellulare;
  • ascolta musica con gli auricolari;
  • beve degli alcolici;
  • mangia alla guida.