La Corte Suprema di Cassazione ha chiarito che con la sentenza del 2 maggio 2016, n. 8604, l'Istituto Nazionale di Previdenza Sociale risulta essere responsabile delle erronee informazioni che si trovano nell'estratto conto contributivo; se quindi il lavoratore è stato destinato alle dimissioni per colpevolezza da parte dell'Inps, egli risulta avere diritto al rimborso del danno per un importo comparabile alle retribuzioni perse tra il giorno corrispondente al termine del rapporto lavorativo e la data dell'ottenimento effettivo della pensione, in virtù del raggiungimento del periodo contributivo necessario a tale scopo e conseguito con il versamento di volontari contributi da aggiungere ai contributi obbligatori già accreditati, come precisato dai giudici.

La decisione - Nella decisione assunta c'è la novità che la magistratura intende ritenere l'INPS responsabile anche dell'emissione di un normale estratto conto non certificativo, recapitato al soggetto interessato prima che sia stato firmato dal funzionario incaricato; passa quindi per essere preponderante il principio in base al quale ci sia la priorità di tutelare l'affidamento legittimo del cittadino verso ogni rapporto di diritto pubblico, ponendo la P.A. nella situazione che la obbliga a non intaccare la fiducia di coloro che dispongono di interessi indisponibili, trasmettendo informazioni non corrette o approssimative, che devono essere ritenute non rispondenti al criterio veridicità e incidenti agli interessi di raggiungimento e godimento dei beni di vita essenziali, come tutti quelli che sono assicurati secondo l'art.

38 della Costituzione.

Conseguenze - Si desume quindi che d'ora in poi l'Istituto Nazionale di Previdenza Sociale dovrà avere un'attenzione particolare al trattamento delle informazioni di volta in volta trasmesse ai soggetti interessati e anche quanto indicato in busta arancione potrebbero rivelarsi motivo di responsabilità dell'INPS qualora le informazioni fossero errate e portasseroil lavoratore ad abbandonare il proprio posto di lavoro con la convinzione di andare in pensione in breve tempo.

Per rimanere costantemente aggiornati sulle notizie di lavoro si consiglia di cliccare in alto sul tasto "Segui".