Torniamo ad aggiornare le lettrici della nostra rubrica "Parola ai Comitati" con una nuova iniziativa avviata dal Comitato Opzione Donna Social in merito ai desiderata per le prossime feste. Ovviamente al centro dei pensieri delle lavoratrici resta sempre la questione dell'accesso flessibile al pensionamento, anche considerando che molte donne si trovano a confrontarsi con situazioni di disagio o difficoltà. La tradizionale pausa natalizia appare quindi particolarmente utile per potersi fermare a riflettere in merito alle prospettive del mercato previdenziale in relazione alle donne che svolgono attività lavorativa o disoccupate e che nel frattempo si dedicano alla famiglia ed al lavoro di cura nei confronti dei propri cari.

Vediamo insieme il testo del nuovo post pubblicato oggi dalla co-fondatrice Orietta Armiliato.

Pensioni flessibili e tutela del lavoro femminile: il testo del nuovo post pubblicato in FB

"Lascia sotto l'albero un augurio ed una tua richiesta e/o desiderio rivolti al tuo parlamentare o personaggio politico preferito" ha quindi scritto Orietta Armiliato, spiegando il merito dell'iniziativa. "Raccoglieremo i messaggi e ne faremo una sintesi e sarà un modo diverso per fargli gli auguri ricordandogli che abbiamo bisogno anche di lei/lui affinché il nostro desiderio o la nostra richiesta possano essere soddisfatti".

La rappresentante delle lavoratrici ha quindi riportato il tag utilizzato all'interno dei social network per rimarcare le ultime iniziative del Comitato, chiedendo alle iscritte di partecipare a questa nuova iniziativa con lo spirito di collegialità che contraddistingue il gruppo, rilanciando il motto #proviamocinsieme.

Come da nostra prassi, restiamo a disposizione nel caso desideriate aggiungere un nuovo commento nel sito in merito alle ultime novità che vi abbiamo riportato.

Mentre per ricevere le prossime notizie di aggiornamento sul comparto della previdenza e sull'opzione donna potete utilizzare la comoda funzione "segui" che vedete in alto, vicino al titolo del nostro nuovo articolo.

Segui la pagina Pensioni
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!