Sabato scorso sono state approvate alcune delle deleghe alla legge 107, tra cui quelle che apportano modifiche alla Scuola secondaria di I e II grado e alla scuola dell'infanzia. Si tratta della delega “Formazione iniziale e accesso all’insegnamento” e della delega “Sistema integrato di educazione e di istruzione 0-6 anni”. Vediamo insieme cosa cambia.

Scuola secondaria di I e II grado: formazione e accesso all'insegnamento

Fino ad ora, chi voleva insegnare nella scuola secondaria di primo e secondo grado doveva abilitarsi, post laurea, con il TFA in modo da poter accedere alla II fascia delle GI e poter lavorare come supplenti.

Per ottenere l'immissione in ruolo, era necessario superare il concorso. Con la nuova delega, è previsto che sopo la laurea si partecipi ad un concorso. Chi lo supera verrà avviato in un percorso formativo triennale, di cui due anni saranno fatti a scuola. Alla fine di tale percorso, vi sarà l’assunzione a tempo indeterminato. La nuova normativa riguarda i futuri docenti, mentre per quelli attualmente iscritti nelle GI è prevista una fase transitoria.

Scuola dell'Infanzia, Sistema 0-6 anni

Scuola dell'Infanzia: il Sistema integrato di educazione e di istruzione 0-6 è una novità attesissima, che dovrebbe garantire pari opportunità a tutti i bambini.

L'obiettivo è migliorare progressivamente i servizi educativi su tutto il territorio nazionale. In che modo? Innanzitutto è stato creato un fondo da 229 mln di euro l'anno per fornire risorse agli Enti locali. Gli asili nido diventano parte del percorso educativo, le insegnanti dovranno avere la laurea e saranno coordinate a livello statale. È previsto un Piano di azione a livello nazionale per coinvolgere tutto.

Saranno costituiti poli per l’infanzia per bambini fino a 6 anni, che possono anche essere aggregati alle scuole primarie e agli istituti comprensivi, finanziati da fondi dell'Inail per 150 milioni di euro. Il Miur darà da coordinatore e saranno coinvolti gli Enti locali e le Regioni. Resta aggiornato sull'argomento e le altre notizie dal mondo della scuola, cliccando il tasto Segui che trovi in alto vicino al titolo dell'articolo.

Segui la nostra pagina Facebook!