A partire dal 2018 gli esami di maturità e quelli del I ciclo della Scuola secondaria subiranno delle modifiche. L'approvazione della delega alla legge 107 di sabato scorso apporta novità che entreranno in vigore a partire dal prossimo anno. Vediamo come cambiano gli esami di Stato del I e II ciclo della scuola secondaria.

Esame del I ciclo scuola: come cambia dopo la delega alla 107

L'esame di scuola media, o I ciclo della scuola secondaria, prevederà 3 prove scritte e 1 colloquio contro le 6 prove scritte + colloquio di adesso.

La normativa stabilisce un esame più equilibrato che include la prova di italiano, la prova di lingua straniera, la prova di matematica e il colloquio per l'accertamento delle competenze trasversali. Il test Invalsi non si terrà più nel corso dell'esame finale, ma durante l'anno scolastico (sempre il terzo).

Esami di maturità: come saranno dal 2018

L'esame di maturità, o del II ciclo della scuola secondaria, prevederà 2 prove scritte e 1 colloquio finale, contro le tre + colloquio di adesso.

L'alternanza Scuola-Lavoro diventerà uno dei requisiti di ammissione. L’Esame includerà la prova scritta nazionale per l'accertamento della padronanza della lingua italiana, la prova scritta nazionale in merito alle discipline tipiche dell’indirizzo di studi e il colloquio finale orale per accertare le competenze raggiunte e le varie capacità dello studente. Il punteggio resterà come adesso in centesimi, ma cambia il peso del percorso triennale.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Scuola

Ecco come si calcola adesso e come si calcolerà il prossimo anno:

  • Punteggio esame 2017: fino a 25 punti credito scolastico, fino a 15 punti per ogni prova scritta, fino a 30 punti per il colloquio.
  • Punteggio esami 2018: fino a 40 punti credito scolastico, fino a 20 punti per ogni prova scritta e sino a 20 punti per il colloquio finale.

La Commissione rimane composta da 1 Presidente esterno + 3 commissari interni e 3 commissari esterni.

Anche qui la prova Invalsi si svolgerà nel corso del quinto anno, ma non insieme all'esame di Stato. Sarà un requisito per l’ammissione all’Esame, ma il punteggio pur essendo incluso nella documentazione finale, non sarà incluso nel voto.

Resta aggiornato sulle novità relative alla scuola, cliccando il tasto Segui in alto vicino al titolo.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto