Dopo i nostri ultimi aggiornamenti sulla riforma previdenziale torniamo ad occuparci di lavoro e in particolare dei voucher Inps. Il nuovo Rapporto sul precariato diffuso dall'Istituto di previdenza sembra infatti produrre le prime evidenze sull'applicazione delle norme per la tracciabilità, in corso di validità dall'8 ottobre dello scorso anno. Secondo i dati resi pubblici, negli ultimi tre mesi si è verificata una significativa flessione rispetto all'utilizzo dei buoni lavoro. Nonostante questa frenata, il 2016 resta comunque un anno di crescita per il ricorso a questo strumento.

Basti pensare che l'incremento del loro utilizzo nello scorso anno rispetto a quello precedente è stato del 23,9%, stante che i voucher venduti hanno toccato la soglia dei 133,8 milioni. La frenata nel'utilizzo dei buoni registrata durante gli ultimi mesi non sembra comunque fermare le discussioni. Governo e sindacati hanno allo studio delle proposte correttive in modo da limitarne l'utilizzo e ridurne la validità. Vediamo tutti gli ultimi dettagli al riguardo nel nostro nuovo articolo di approfondimento.

Come cambieranno i voucher Inps? Ecco le ipotesi allo studio

Partiamo prima di tutto dalle proposte allo studio del Governo. Secondo quanto emerso finora, alla tracciabilità dei voucher potrebbe presto essere associato un intervento sul limite annuo di utilizzo, attualmente fissato a 7000 euro. La proposta riguarda un abbassamento fino a 5000 euro nell'arco di un anno, mentre la validità dei buoni potrebbe scendere a 6 mensilità dalle 12 attuali. Altra opzione allo studio riguarda il restringimento del campo di applicabilità dei voucher, che potrebbero vedersi esclusi sia a livello settoriale, sia in merito a specifiche tipologie di contratti (in modo tale da renderne impossibile l'utilizzo per la retribuzione degli straordinari).

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Pensioni

Sindacati attesi in audizione in Commissione lavoro alla Camera

In merito alla vicenda le principali sigle sindacali sono attese in audizione il prossimo giovedì presso la Commissione lavoro della Camera. Per l'occasione saranno presenti anche i rappresentanti delle associazioni costituitesi a tutela del lavoro domestico (Domina, Fidaldo e Federcasalinghe). Sui voucher il Presidente della Commissione lavoro alla Camera era già intervenuto nella scorsa settimana, commentando le ultime indiscrezioni giornalistiche.

"Quello che serve è battere l'abuso di questo strumento", ha evidenziato l'On Cesare Damiano "riportandolo allo spirito e alla lettera della norma voluta da Biagi nel 2003: il suo uso sia consentito esclusivamente per il lavoro occasionale e accessorio da parte di soggetti deboli nel mercato come i disoccupati di lungo periodo, gli studenti e i pensionati".

E voi, cosa pensate in merito alle ultime novità che vi abbiamo riportato sui voucher Inps? Come da nostra prassi, vi ricordiamo la possibilità di aggiungere un nuovo commento al riguardo, mentre per restare aggiornati sui prossimi articoli relativi a lavoro e previdenza potete abbonarvi gratuitamente tramite la funzione "segui" che trovate in alto, vicino al titolo dell'articolo.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto