Il concorso Scuola voluto da Renzi è stato un flop: i dati di Repubblica di qualche giorno fa, ripresi anche da Anif, non lasciano alcun dubbio. Organizzazione e tempistica non hanno funzionato per niente. A distanza di quasi un anno, ha fatto notare C. Zunino proprio su Repubblica, mancano i/3 delle graduatorie di merito, per la precisione 436. questo scatena una serie di reazioni a catena che potrebbe portare ad un ritardo nel bandire il prossimo concorso a cattedra.

Pubblicità
Pubblicità

Concorso docenti flop: i dati

Il concorso scuola è decisamente andato male. In alcune regioni devono ancora svolgersi le prove orali, mentre secondo Renzi lo scorso primo settembre tutti i docenti sarebbero stati in cattedra. Si pensa che le procedure dovrebbero concludersi verso aprile, con 8 mesi di ritardo. Al 15 settembre 2016 si conoscevano i nomi di oltre 20.500 vincitori, ma solo la metà sono saliti in cattedra. Gli altri dovranno attendere il prossimo settembre.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Scuola

Il problema più grosso è che per smaltire tutte le assunzioni previste, spiega Zunino, probabilmente si arriverà all'anno scolastico 2019-2020. L'effetto domino spingerà in avanti i successivi bandi? Non è da escludere. In questo caso i danneggiati non sarebbero solo i candidati del concorso 2016, ma anche quelli del prossimo concorso, che si annunciano essere numerosi.

Ritardi e problemi nelle procedure

Purtroppo il mondo della scuola non è nuovo ai ritardi e ai problemi da risolvere nelle procedure programmate.

Pubblicità

Per ricordarne solo alcuni, ci sono il ritardo nel fornire i 500 euro della card docenti e tutti i problemi ad essa legati, il ritardo nel pagamento del bonus al merito, che ancora deve essere interamente incassato, il ritardo negli stipendi dei precari e a volte anche degli altri docenti su NoiPA, la fretta con cui è stata emanata la legge 107 e in seguito anche le deleghe che l'accompagnavamo e che sono tutt'ora in discussione. E l'elenco potrebbe continuare.

Vedremo come andrà a finire solo col tempo, sebbene le prospettive non siano delle più rosee.

Resta aggiornato sulle news dal mondo della scuola, cliccando il tasto Segui in alto.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto