Con l'arrivo del decreto Milleproroghe in Aula al Senato inizia un'altra fase fondamentale che porterà alla conversione in legge del decreto tanto atteso da migliaia di italiani. Numerose saranno le novità che verranno introdotte: dalle misure sulla previdenza ai nuovi interventi inerenti alla Pubblica Amministrazione e al delicato tema del lavoro.

Novità su lavoro e pensioni nel Milleproroghe

La Commissione affari costituzionali, infatti, ha approvato circa 96 emendamenti rispetto al testo che l'esecutivo ha presentato lo scorso dicembre.

Pubblicità
Pubblicità

Il decreto milleproroghe si occuperà anche del delicato argomento delle Pensioni, un problema che si ripercuote ormai da anni sul quale il Governo Gentiloni sta preparando i sei decreti attuativi che dovrebbero essere pronti entro il 2 marzo. Fra le proroghe previste, infatti, ci sarà anche il rinvio di un anno di recupero dello 0,1 % sui trattamenti previdenziali. Via libera anche alla proroga al 2018 della decorrenza dell'obbligo di rispettare il collocamento dei lavoratori disabili, misura che sarà valida per le aziende con 15 dipendenti.

Pubblicità

Per i lavoratori iscritti alla gestione separata, invece, si prevede la proroga al 30 giugno 2017 della Dis-Coll, il cosiddetto assegno di disoccupazione corrisposto ai lavoratori parasubordinati. Spazio anche al rinvio della decorrenza dell'obbligo per comunicazione telematica Inail e dell'obbligo della tenuta del libro unico attraverso la procedura telematica.

Proroghe previste per il pubblico impiego

Quanto al pubblico impiego, invece, si prevede la proroga dei concorsi pubblici per l'amministrazione penitenziaria e il rinvio delle autorizzazioni per assumere nuovo personale nelle forze dell'ordine.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni Pubblica Amministrazione

Spazio anche agli enti territoriali che, stando alle disposizioni dettate dal decreto saranno tenuti a prorogare i contratti di lavoro a tempo determinato e i contratti di collaborazione occasionale.

Si attende, comunque, il passaggio del testo in Commissione Bilancio alla Camera per una seconda lettura che dovrà essere effettuata entro il 28 febbraio.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto