In tutte le piazze d'Italia in cui hanno svolto iniziative politiche, i parlamentari del Movimento 5 stelle, e in particolare Alessandro Di Battista, hanno criticato in questi anni e in questi mesi la riforma Pensioni della Fornero varata nel 2011 dal Governo Monti. Hanno chiesto con emendamenti, mozioni e ordini del giorno durante l'esame delle ultime tre leggi di Bilancio (del 2015, del 2016 e del 2017) tagli alle pensioni d'oro e aumenti delle pensioni minime ma anche la proroga di Opzione donna.

Pubblicità

Pensioni, Grillo contro la legge Fornero

Adesso presentano un disegno di legge che prevede che deputati e senatori non maturino il diritto alla pensione dopo quattro anni e mezzo di legislatura, ma che il loro trattamento previdenziale venga calcolato sulla base dei contributi versati, così come avviene per tutti i cittadini. "Basta privilegi! Anche per gli onorevoli una #pensionecometutti", è i titolo di un post pubblicato sul blog di Beppe Grillo a firma Movimento 5 stelle e pubblicato subito dopo a conferenza stampa dei parlamentari pentastellati oggi a Montecitorio per illustrare il piano di revisione dei vitalizi parlamentari mentre cresce l'attesa per la fase 2 della riforma pensioni in generale su cui si stanno confrontando il Governo Gentiloni e le organizzazioni sindacali, a tal proposito il prossimo incontro tra i leader di Cgil, Cisl e Uil con il ministro del Lavoro Giuliano Poletti è in programma il primo marzo.

Vitalizi, M5s chiede abolizioni privilegi

"Vogliamo uniformare - ha scritto oggi su Twitter il deputato pentastellato Alessandro Di Battista - le pensioni dei parlamentari a quelle di tutti quanti. Pd ci stai - ha aggiunto - o stai pensando alle correnti?". L'hashtag utilizzato da Di Battista nel tweet è quello "ufficiale" lanciato sul blog di Grillo: "#pensionecometutti". "Con la nostra proposta - ha spiegato Luigi Di Maio nel corso dellala conferenza stampa oggi alla Camera -chiediamo che venga abolito un privilegio medioevale come quello sui vitalizi.

Pubblicità

Se non si farà - ha aggiunto il vice presidente dell'assemblea di Montecitorio - saranno i cittadini a promuovere da qui al 15 settembre qualche iniziativa clamorosa". Il Movimento 5 stelle continua a battersi anche per l'abolizione riforma pensioni del Governo Monti: "Viviamo in un Paese - si legge su beppegrillo.it - dove ci sono ancora migliaia di esodati della legge Fornero".