Il prossimo incontro tra Governo e sindacati in materia previdenziale è fissato per giovedì 4 maggio. La data è molto importante perché permette di fare alcune considerazioni sulle novità previdenziali che partiranno il 1° maggio. In pratica, sia APE che Quota 41 sono pronte e non si potranno più correggere proprio perché il prossimo incontro sarà relativo alla fase 2 della riforma, quella che interesserà le Pensioni future e probabilmente la prossima Legge di Bilancio di fine 2017.

Pubblicità
Pubblicità

Prima di Pasqua, cioè in settimana, dovrebbero uscire i decreti attuativi , nei quali qualcosa verrà corretto rispetto alle misure inizialmente previste. I lati oscuri e i dubbi sulle due novità restano tutti, tanto che qualcuno ipotizza una riforma flop, con persone che troveranno poco convenienti le vie per anticipare la pensione.

Non è vantaggioso uscire prima

Una analisi pubblicata sul noto quotidiano “la Repubblica” ieri 9 aprile rende bene l’idea sulle problematiche attuative e future di APE e quota 41.

Pubblicità

Non sono solo i problemi di tempistica che ad oggi mettono a rischio il reale avvio delle misure. I decreti attuativi che sarebbero dovuti uscire a inizio marzo, ad un mese di distanza non sono ancora stati emanati. Con un iter che prevede il benestare di Consiglio di Stato e Corte dei Conti, essendo arrivati a meno di un mese dal via delle misure, il rischio che queste slittino è alto. Dal Governo fanno sapere che tutto e pronto e che, probabilmente, in questa settimana tutto sarà pronto ed i decreti saranno presentati al pubblico.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni

Dal punto di vista strutturale, invece, le misure appaiono molto problematiche, con l’APE volontario che costa troppo ai lavoratori e con quota 41 ed APE sociale con requisiti troppo ristretti per essere centrata da molti lavoratori.

Tutti i dubbi e le perplessità

L’APE volontario è il prestito bancario con interessi e spese accessorie che viene erogato come una pensione a chi ha almeno 63 anni di età e 20 di contributi.

Il prestito deve essere restituito una volta raggiunta la pensione di vecchiaia (66,7 anni di età e 20 di contributi), con rate mensili costanti sulla pensione per la durata di 20 anni. In definitiva, un taglio del 30% medio sulle pensioni future, probabilmente troppo in virtù di qualche anno di anticipo di pensione. La versione assistenziale di APE, oppure quota 41, si rivolgono a soggetti disagiati come lavoro (disoccupati o impegnati in attività gravose), come salute (invalidi) o come famiglia (invalidi a carico).

Pubblicità

Una serie di paletti, però, riducono il campo di applicazione delle misure. Gli invalidi devono essere almeno con il 74% di disabilità accertata. I disoccupati devono aver terminato di percepire gli ammortizzatori sociali da almeno 3 mesi e soprattutto, devono provenire da licenziamento e non da contratti a termine. Per i lavori gravosi invece, servono 6 anni di continuità lavorativa, cioè senza interruzioni da 72 mesi al lavoro prima di presentare domanda di pensione.

Pubblicità

Maglie più larghe nei decreti?

Correttivi e cambiamenti last minute non appaiono possibili, proprio perché i decreti sembrano pronti e di nuovi appuntamenti con le parti sociali, in materia APE e quota 41, non se ne faranno più. Le misure sono quelle spiegate nel paragrafo precedente, con i precoci (disagiati) che centrano l’uscita con 41 anni di contributi, indipendentemente dall’età e con un anno di versamenti prima dei 19 anni di età. Per l’APE sociale invece, come contributi, servono 30 anni se disoccupati e 36 anni se impegnati in lavori gravosi, intesi come area aziendale e non come mansione vera e propria del lavoratore. Nei decreti, l’unico correttivo che sembra, farà capolino, appare essere la franchigia che detonerà i 6 anni di continuità lavorativa. Ci sarà più tempo per centrare i 6 anni di continuità lavorativa pretesi dalle norme. Il requisito andrà centrato in 7 anni, cioè sarà garantita l’uscita anticipata con APE o quota 41 a coloro che negli ultimi 7 anni di lavoro prima della domanda di accesso alle misure, avranno 6 anni di ingaggio presso un datore di lavoro.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto