Continua l'attacco del Movimento 5 stelle alla legge Fornero alla riforma Pensioni targata Renzi-Poletti che peraltro non riesce a trovare piena attuazione con il Governo Gentiloni. Come nel precedente tour elettorale in Sicilia a fianco del candidato alla presidenza della Regione Giancarlo Cancelleri, anche oggi nel nuovo tour a due settimane dal voto il vice presidente della Camera Luigi Di Maio torna ad attaccare le attuali norme previdenziali, le novità introdotte dai governi Renzi e Gentiloni che stentano a decollare, e promette modifiche alla tanto contestata legge Fornero.

Pensioni, Di Maio in Sicilia all'attacco della legge Fornero

"Un segnale di cambiamento in Sicilia - ha detto Luigi Di Maio oggi in un comizio a Ribera, nell'Agrigentino - può portare a un cambiamento anche a livello nazionale. Le altre Regioni - ha aggiunto il candidato premier del Movimento 5 stelle - stanno aspettando voi, guardano a voi come un popolo che può cambiare le cose. Poi il cambiamento sarà difficile, perché quando cominci a mettere le mani su soldi che non servono e li sposti dove servono c'è sempre qualcuno che si arrabbia.

Perché non è che 13 miliardi di pensioni d'oro stanno lì e nessuno li prende. La Sicilia è la prima regione d'Italia per pensioni d'oro, le prendono 30mila siciliani. Questa è una cosa importante, quando noi andremo a mettere le mani su questi soldi per spostarli ci sarà qualcuno che si arrabbierà, ma ci saranno anche altre persone che ci ringrazieranno".

Il candidato premier M5: Ape social di Renzi un fallimento

"Io - ha aggiunto Luigi Di Maio - voglio spendere qualche parola sulle pensioni, sulla questione della legge Fornero, l'hanno risolta con l'Ape social. L'altro giorno - ha proseguito - l'Inps ci ha detto che il 70% di domande di quest'Anticipo pensionistico sociale è stato rigettato. E si continua a dire che non ci sono mai i soldi per cambiare questa legge Fornero, che non è solo un problema di chi deve andare in pensione.

Il giorno in cui hanno fatto la legge Fornero un milione di persone non è potuto andare in pensione, un milione di giovani è stato espulso dal mondo del lavoro. Se noi non risolviamo il problema della legge sulle pensioni - ha sottolineto il parlamentare pentastellato - non avremo mai l'opportunità di dare il lavoro ai giovani che vogliono entrare prima nel mondo del lavoro".

'Serve la staffetta generazionale per dare lavoro ai giovani'

"Questo tema è connesso alla staffetta generazionale, non è una guerra tra chi dice 'va in pensione papà e prendo io il lavoro' oppure viceversa, 'io voglio andare in pensione e non mi ci fanno andare', questo è un problema di generazioni che si devono dare una mano nel contrastare questo sistema.

Bisogna fare degli investimenti a lungo termine, quando parliamo di pensioni stiamo parlando di politiche sulle nascite, perché i fondi pensionistici - ha spiegato il deputato M5S - si tengono in equilibrio se questo paese non invecchia velocemente e secondo uno studio uscito alcuni giorni fa nel 2050 l'Italia sarà il Paese più vecchio al mondo".

Segui la pagina Pensioni
Segui
Segui la pagina M5S
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!