In questi giorni le segreterie scolastiche sono alle prese con l'inserimento nel sistema informativo del Miur delle domande di terza fascia del personale Ata. Molti dei candidati che hanno presentato domanda d'inserimento si chiedono quali siano i motivi di esclusione dell'inserimento della graduatoria. Vediamo nel dettaglio i motivi di esclusione e altri dubbi su tali graduatorie Ata, che come abbiamo stimato più volte potrebbero essere rese pubbliche nel mese di gennaio 2018.

Domanda Ata: quali saranno escluse

Nello specifico vorremmo elencarvi i motivi di non inserimento della domanda nel sistema informativo del Miur e quindi di esclusione dalla graduatoria di terza fascia. Il primo motivo di esclusione di una domanda è quello in cui non si evincono le generalità, ovvero i propri dati anagrafici. Il secondo motivo di esclusione dalla procedura è quello in cui il candidato ha presentato domanda in più istituzioni scolastiche. Altro motivo di esclusione si presenta nel caso in cui il candidato ha presentato domanda priva della sottoscrizione dell’aspirante.

Inoltre, è ovvio che altro motivo di esclusione è previsto nel caso in cui la domanda sia stata presentata dopo il termine ultimo previsto nel bando, ossia il 30 ottobre 2017 (si ricorda soltanto che per le raccomandate AR, fa fede il timbro postale).

Inoltre, altro caso di nullità della domanda è previsto nel caso in cui la domanda sia priva di uno dei requisiti specifici e generali per la partecipazione (Artt.

2 e 3 del DM 640/17). È utile precisare che anche nel caso in cui un candidato abbia effettuato dichiarazioni e certificazioni false, la domanda da esso prodotto sarà esclusa dalla procedura. Infine, vorremmo ricordarvi che quando saranno prodotte le graduatorie esse potranno essere visibili dalla propria sezione di Istanze Online. Ogni candidato per ogni profilo per cui ha presentato domanda (assistente, collaboratore, cuoco ecc), potrà vedere nelle istituzioni scolastiche dove ha presentato domanda in che posizione è collocato, in ordine di punteggio in proprio possesso.

Nella prime posizioni della graduatoria si troveranno i candidati che hanno maggiori punteggi (il punteggio ricordiamo è dato dalla somma dei titoli in proprio possesso più eventuali servizi di lavoro prestato), tali candidati ovviamente avranno maggiore possibilità di essere convocati per una supplenza breve. Per le altre notizie sulla domanda Ata vi rimandiamo alle precedenti news.

Segui la pagina Scuola
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!