Annuncio
Annuncio

Ancora una volta è il vicepremier leghista Matteo Salvini a tentare di rassicurare gli italiani interessati al superamento della riforma delle Pensioni targata Fornero, che fu varata ormai sette anni fa dal Governo Monti sostenuto da una maggioranza parlamentare di larghe intese che andava dal Partito democratico (allora guidato da Pierluigi Bersani) a Forza Italia (sempre presieduta da Silvio Berlusconi). “Stop legge Fornero – ha scritto oggi il ministro dell’Interno in un post su Facebook - da inizio 2019”.

Annuncio

Pensioni: quota 100 e Opzione donna in legge di Bilancio, attese novità su quota 41

Le prime misure, dunque, dovrebbero trovare spazio nella legge di Bilancio che sarà varata nei prossimi giorni. Certamente ci sarà la quota 100, anche se ancora resta da capire se a partire da 62 anni e se con 36 o 37 anni di anzianità contributiva o se la quota 100 sarà formulata diversamente. Non ci dovrebbero essere problemi per la proroga del regime sperimentale di opzione donna, come ha assicurato nei giorni scorsi il ministro del Lavoro e delle Politiche sociali Luigi Di Maio (M5s).

Potrebbe slittare, secondo quanto si apprende nelle ultime ore, la quota 41 a prescindere dall’età per i lavoratori precoci. A partire dal prossimo anno, lo stop alla riforma Fornero sarà, come ha scritto Matteo Salvini oggi sul social network, “senza penalizzazioni, senza paletti, senza limiti, senza tetto al reddito, permettendo a 400mila persone – ha sottolineato il leader del Carroccio - di andare in pensione e tornare alla vita, liberando altrettanti posti di lavoro”.

Sono 400.000 i posti di lavoro che si dovrebbero liberare con la nuova riforma pensioni

Secondo i calcoli di Salvini, dunque, potranno andare in pensione 400.000 lavoratori e dovrebbero aprirsi nuove opportunità occupazionali per 400.000 disoccupati.

Annuncio

Tanti gli economisti che hanno già spiegato che gli eventuali posti di lavoro non potranno mai essere proporzionali alle uscite, in questo senso si è espresso nei giorni scorsi anche il presidente dell’Istituto nazionale per la previdenza sociale Tito Boeri. Staremo a vedere come andrà a finire quando sarà attivata la quota 100. Tra le altre misure che troveranno spazio nella manovra, come assicurato oggi il vicepremier leghista su Facebook, un piano straordinario per le assunzioni di 10mila forze dell’ordine sia uomini che donne e la “flat tax con aliquota al 15% - ha spiegato Salvini - per almeno un milione tra partite Iva, autonomi, professionisti, piccoli imprenditori”.

Previsti inoltre sconti fiscale per le imprese che investono in nuove assunzioni, in macchinari o in ricerca.