Matteo Salvini

Matteo Salvini è un politico italiano, leader della Lega ed ex ministro dell'interno nel Governo Conte 1

1.Nella Lega di Bossi

Matteo Salvini è un uomo politico e un giornalista italiano nato a Milano il 9 marzo del 1973. Ha ricoperto gli incarichi di deputato e di europarlamentare, dal dicembre del 2013 è segretario federale del partito politico della Lega. Militante dal 1990 del partito fondato da Umberto Bossi, nel 1993 viene eletto a Milano nel ruolo di consigliere comunale. Questa esperienza si rivelerà fondamentale per l'ascesa politica di Salvini, visto che, per quasi vent'anni, e cioè fino al 2012, Salvini occuperà un ruolo importante nel mondo politico lombardo e non solo.

2.La carriera giornalistica ne 'La Padania'

La carriera politica di Salvini viene accompagnata dall'attività giornalistica prima come cronista del quotidiano della Lega Nord 'La Padania', poi come opinionista sull'emittente radiofonica leghista 'Radio Padania libera'.

3.Dall'Europarlamento a Montecitorio

Dal 2004 al 2006, Matteo Salvini è stato deputato del Parlamento Europeo e, dopo la sua decadenza, diviene capogruppo della Lega Nord in consiglio comunale a Milano oltre a ricoprire la carica di vicesegretario nazionale della Lega Lombarda. Dopo essere stato eletto, alle politiche del 2008, come deputato alla Camera per la circoscrizione Lombardia 1, Salvini viene nominato il 2 giugno del 2012 quale nuovo segretario della Lega Lombarda, conquistando 403 voti contro i soli 129 del candidato rivale Cesarino Monti. Dal primo giugno del 2018 al 5 settembre del 2019 ha ricoperto l'incarico di ministro dell'Interno durante il primo governo Conte, segnato dall'alleanza tra la stessa Lega e il Movimento 5 Stelle

4.Matteo Salvini: un leader controverso

Noto per le sue posizioni politiche 'anti euro', che ha definito 'una moneta farlocca', Matteo Salvini ha acquisito negli ultimi anni maggiore consenso elettorale. Le sue posizioni a volte 'estremiste" hanno caratterizzato il suo modo di fare politica: nel maggio del 2013, per esempio, Matteo Salvini attaccò duramente il ministro dell'integrazione Cécile Kyenge, colpevole secondo l'esponente della Lega di 'voler regolarizzare le posizioni di coloro che vogliono ammazzare a picconate' (in riferimento a un triste fatto di cronaca in cui un cittadino ghanese, con evidenti problemi psichici, uccise tre uomini a picconate). Nota, infine, la storica avversione di Matteo Salvini per l'Unione Europea, definita un 'regime' simile a quello dell'ex Unione Sovietica.

5.Matteo Salvini al Viminale

Il leader leghista ha ricoperto l'incarico di ministro dell'Interno durante il Governo Conte 1. Dopo un anno alla guida del Viminale, con politiche molto aggressive sul tema immigrazione, Salvini fa cadere il Governo. Una crisi di governo esplosa tra i mojito al Papeete Beach di Milano Marittima e gli scontri con l’ex alleato del Movimento 5 stelle Luigi Di Maio. La strategia di Matteo Salvini, tesa a sfruttare il vento in poppa nei sondaggi per entrare a Palazzo Chigi, si è rivelata fallimentare, tanto da perdere quel ruolo da protagonista che il leader del Carroccio ha ricoperto per tutta la durata del governo gialloverde.

6.Salvini e l'ingresso nel Governo Draghi

Dopo l'opposizione al Governo Conte 2, in seguito alla caduta dell'esecutivo giallorosso nel febbraio 2021, la Lega sostiene la formazione del Governo Draghi. La Lega ha compiuto un'ennesima svolta e si presenta ora come un partito più europeista. Il cambio di linea coincide con l'approvazione del Next Generation Eu, il piano per il rilancio dell'economia, approntato da Bruxelles, dopo la pandemia da Covid-19. Salvini pur sostenendo il Governo Draghi ha più volte manifestato un'insofferenza verso gli alleati, in primis Pd e Movimento 5 Stelle. Un'altra iniziativa che differenzia i leghisti dagli altri sostenitori del Governo è la campagna per il referendum sulla giustizia proposto dai Radicali che prevede una riforma del sistema giudiziario italiano.

Chi segue il Canale Matteo Salvini?

Giuseppe Pileggi Ionela Dima Maria Luisa Mannoni Giuseppe Parisi Nella Nervo Emilia Bollino Emilia Marchi
author-avatar

Michele Caltagirone

author-avatar

Domenico Mungiguerra

author-avatar

Francesca Zanolli

author-avatar

Diego Marenaci

author-avatar

Edoardo Fracchiolla

author-avatar

Edoardo Fracchiolla

author-avatar

Matteo Tuveri

author-avatar

Barbara Lo Conte

author-avatar

Carla Daniela Carli

author-avatar

Domenico Camodeca

author-avatar

Domenico Camodeca

author-avatar

Annalisa Tortora

author-avatar

Carlo Pasqualetti

author-avatar

Domenico Camodeca

author-avatar

Giuseppe D'Alto

author-avatar

Domenico Mungiguerra

author-avatar

Elvisa Rossetti

author-avatar

Domenico Camodeca

author-avatar

Realdo Amadio

author-avatar

Michelle Longo

author-avatar

Domenico Camodeca

author-avatar

Elisa Di Giacomo

author-avatar

Mattia Chiaruttini

author-avatar

Domenico Camodeca

author-avatar

Domenico Camodeca

author-avatar

Giuseppe D'Alto

author-avatar

Domenico Camodeca

author-avatar

Domenico Camodeca

author-avatar

Domenico Camodeca

author-avatar

Pasquale De Marte

author-avatar

Valerio Bianco

author-avatar

Valerio Bianco

author-avatar

Domenico Camodeca

author-avatar

Pasquale De Marte

author-avatar

Domenico Camodeca

Questo Canale è curato dal nostro esperto
Giornalista nato sul Gargano, cresciuto nel Tavoliere delle Puglie. Laureato in Storia a Pisa con Erasmus a Valencia e in Giornalismo a Parma con Erasmus a Siviglia, per concludere Master in Giornalismo “Giorgio Bocca” a Torino. Passato da La Stampa, Agencia EFE e TPI
Suggerisci una correzione