Il bando di concorso MiBAC volto alla ricerca di 1052 unità di personale da inquadrare nel ruolo di vigilanti, si avvia verso il termine: tutti i cittadini interessati e in possesso dei requisiti specificati, potranno inoltrare la loro candidatura entro e non oltre la data del 23 settembre 2019. Gli assunti saranno inquadrabili nell'area II con posizione economica F2: al fine dell'eventuale invio della candidatura è bene ricordare anche i requisiti necessari per poter partecipare al concorso e le modalità con cui avverranno le selezioni.

Concorso MiBAC: i requisiti

Il concorso MiBAC indetto dall'ex ministro Alberto Bonisoli consente l'assunzione di 1052 unità di personale, con il profilo professionale di assistente alla fruizione, accoglienza e vigilanza del Ministero per i beni e le attività culturali. La scadenza della candidatura è fissata per il 23 settembre 2019, entro le ore 23:59:59.

Sono ammessi a partecipare al concorso coloro che siano in possesso dei seguenti requisiti:

  • diploma di scuola secondaria ottenuto in Italia o in altri stati europei,
  • possedere l'Idoneità fisica allo svolgimento della mansione,
  • aver assolto gli obblighi di leva (per i nati prima del 1985),
  • nessuna condanna penale in via definitiva nei reati nei quali è prevista l'interdizione dai pubblici uffici.

MiBAC: procedura concorsuale

Le prove si divideranno in tre distinte parti: la prima parte è volta alla preselezione dei candidati e potrà essere superata da un numero massimo di candidati, pari a cinque volte il numero dei posti messi a concorso.

Sono esonerati dalla prova preselettiva i candidati diversamente abili con una percentuale di invalidità pari o superiore all’80%, in base alla legge 5 febbraio 1992, numero 104.

Il test sarà composto da 60 quesiti a risposta multipla, di cui 40 volti alla verifica delle capacità logico/deduttive, di ragionamento logico/matematico e di carattere critico verbale del candidato. Il restanti 20, diretti a verificare la conoscenza di materie di diritto, come:

  • elementi generali di diritto del patrimonio culturale (codice dei beni culturali e del paesaggio),
  • patrimonio culturale italiano,
  • normativa sulla sicurezza dei luoghi di lavoro.

Durante la prova è severamente vietato l'introduzione di: quaderni, libri, raccolte normative, vocabolari, testi, appunti di qualsiasi natura, telefoni o altri dispositivi mobili idonei alla memorizzazione o trasmissione dati o allo svolgimento di calcoli matematici.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Offerte Di Lavoro Concorsi Pubblici

Pena l'esclusione immediata dal concorso.

La prova selettiva scritta è costituita da un ulteriore quiz a risposta multipla: oltre ai quesiti già materie di esame nella fase preseletiva, verranno aggiunte domande di carattere:

  • organizzativo,
  • di ordinamento amministrativo,
  • di normative in materia di salute e sicurezza nei luoghi pubblici.

Per l'accesso alla prova orale i candidati dovranno ottenere una votazione minima di 21/30.

Infine il candidato dovrà affrontare la prova selettiva orale: la prova consiste in un colloquio interdisciplinare volto ad accertare la preparazione e le capacità professionale del candidati sulle materie trattate nella prova selettiva scritta. La prova verrà considerata superata, al raggiunto del punteggio minimo di 21/30.

Coloro che sono interessati a concorrere per uno dei posti messi a concorso, sono invitati a consultare il bando presente in Gazzetta Ufficiale, al fine di conoscere nel dettaglio i requisiti e le modalità di trasmissione della domanda.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto