Il Ministero del lavoro con il decreto n.99 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale di martedì 17 dicembre, ha indetto un nuovo concorso pubblico per 41 assunzioni a tempo indeterminato di profili professionali delle attività informatiche presso l'Inail. I vincitori del concorso per soli esami saranno inquadrati in area C, con livello economico 1. Le domande di ammissione dovranno pervenire il 31 gennaio 2020, la successiva partecipazione al concorso sarà subordinata al possedimento di specifici requisiti.

Concorso pubblico per 41 assunzioni: i requisiti richiesti

Il bando per il concorso Inail per 41 assunzioni a tempo indeterminato rende noti i requisiti necessari all'invio della domanda di candidatura:

  • Cittadinanza italiana o di qualsiasi altro paese facente parte dell'Unione Europea. Possono altresì partecipare i familiari dei cittadini degli Stati membri dell'Unione europea non aventi la cittadinanza di uno Stato membro che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente;
  • Possedimento dei diritti civili e politici;
  • Idoneità fisica allo svolgimento della professione;
  • Posizione regolare nei riguardi degli obblighi di leva previsti fino al 31 dicembre 1981;
  • Laurea triennale in una delle seguenti materie: scienze dell'economia e della gestione aziendale, scienze e tecnologie informatiche, scienze economiche, scienze matematiche o statistica.

Tutti i requisiti sono specificati nel decreto n.99 rintracciabile all'indirizzo della Gazzetta ufficiale nella sezione dedicata ai concorsi ed esami 4 serie speciale.

Concorso Ministero del lavoro: le prove d'esame

L'Istituto, nel caso in cui dovesse pervenire un numero di domande superiore a dieci volte il numero dei posti a concorso, potrà far precedere le prove d'esame da una prova preselettiva, per la cui somministrazione l'Istituto stesso potrà avvalersi di un'apposita ditta specializzata, finalizzata ad ammettere alle prove scritte un numero di candidati non superiore a detto limite.

L'eventuale prova preselettiva verterà su materie quali diritto amministrativo, informatica, capacità linguistica, comprensione dei testi e project management. La prima prova scritta, a carattere teorico, sarà composta da quesiti su materie quali ingegneria del software, data base management systems e il loro impiego, data science, reti di telecomunicazione e sicurezza informatica e servirà ad accertare le conoscenze tecniche, di sintesi, nonché chiarezza espressiva e capacità di argomentare dei candidati.

Nella seconda prova scritta il candidato dovrà cimentarsi nella risoluzione di un caso in ambito informatico contestualizzato nelle attività della Pubblica Amministrazione.

Segui la nostra pagina Facebook!