Arriva l'allenatore Roberto Rizzo e il Lecce potrebbe cambiare pelle. Un cambiamento netto per il Lecce che passa da un mondo, quello di Padalino, in cui si pensa il calcio in un certo modo ad un altro nel quale il calcio è visto con più spregiudicatezza. Rizzo è abituato a far avere il comando del gioco alle sue squadre, cerca sempre di imporre il gioco, senza mai subirlo. Anche lui predilige il 4-3-3, nel quale i terzini svolgono un gran lavoro.

A proposito di terzini, Giuseppe Agostinone ha già lavorato con Rizzo, nel Martina Franca e collezionò soltanto 3 presenze. Ovvio che le esigenze cambiano e anche i calciatori, ma se dovessimo attenerci a questa statistica, potremmo pensare che Agostinone probabilmente non parte tra i favoritissimi nel Lecce di Rizzo.

Molto più probabile che l'allenatore giallorosso si affidi a due che possono dare più spinta, come Ciancio e Vitofrancesco. Ma, con un allenatore che predilige la spinta dei terzini potrebbe esserci anche la sorpresa Lepore come terzino destro.

Un Lecce rivoluzionato?

Difficile, difficilissimo, ipotizzare come sarà il Lecce con Rizzo alla guida, ma ci abbiamo comunque provato, basandoci sulle esperienze passate del neo mister giallorosso. In porta dovrebbe essere confermato Perucchini; in difesa, spazio a Vitofrancesco e Ciancio con Cosenza e uno tra Giosa e Drudi centrali; a centrocampo Arrigoni in cabina di regia con Costa Ferreira e Mancosu ai lati; in attacco probabile che sarà confermato il tridente Torromino, Caturano, Pacilli. Possibile che sarà rispolverato Doumbia, un po' in affanno nell'ultimo periodo.

Dunque, le sorprese maggiori dovrebbero essere in difesa nel ruolo dei terzini e poi a centrocampo e in attacco pochi ritocchi, ma qualche calciatore che potrebbe avere più spazio (Arrigoni e Doumbia su tutti).

Il Lecce pensa ai play off

In queste ultime due gare in cui il Lecce non deve chiedere più nulla al campionato regolare, Rizzo cercherà di spiegare la sua idea di gioco e di inculcare nei calciatori nuove soluzioni tattiche. Sperando, magari, di sfruttare maggiormente i calci piazzati in attacco che al Lecce quest'anno non hanno mai portato punti. Le prossime due gare, dunque, contro Paganese e Fidelis Andria, più che match di fine campionato potrebbero essere considerate gare pre- campionato, prima del vero campionato che sarà quello dei play off [VIDEO]. Gli stessi inizieranno nella seconda metà di maggio e finiranno il 17 giugno con la finalissima.