E' dei giorni scorsi la notizia che la Corea del Nord ha collocato su due rampe di lancio, lungo la costa orientale, altrettanti missili a media gittata. Minaccia che gli Stati Uniti hanno preso seriamente in considerazione, anche se non hanno, per il momento, alcuna intenzione di pensare che la follia del regime di Pyongyang, possa arrivare all'attacco della Corea del Sud e di conseguenza minacciare le coste dell'America Orientale.

Oltre alle minacce esplicite di un attacco imminente, se ciò non bastasse ad innalzare i venti di guerra e  la tensione, Pyongyang ha esortato le ambasciate straniere rimaste in loco a valutare se lasciare il Paese.

Sembra che il Leader del regime Nord Coreano abbia seriamente preso come realtà la sua passione per la guerra sulla PlayStation. Senza considerare nella sua lucida follia le conseguenze catastrofiche che avrebbe un conflitto tra le due Coree. 

I venti di guerra dunque non si placano e la Corea del Sud ha dispiegato due navi con sistemi per intercettare missili lungo le coste del Mar Giallo e del Mar del Giappone; ed e' solo l'ennesimo movimento militare nell'area perchè Seul e Washington da giorni vigilano da vicino le installazioni militari nordcoreane e hanno già preso una serie di contromisure.

Pyongyang non considera soprattutto l'isolamento che internazionale in cui ha trascinato la sua nazione, che ad oggi, restando a dichiarazioni ufficiali, solo la follia dell'Iran sostiene. Cina e Russia per il momento non vogliono ne commentare ne inserirsi in un conflitto che avrebbe conseguenze incalcolabili. 

Analizziamo i motivi della follia di una Nazione verso la sua vicina, la guerra di Corea fu l'evento bellico che si verificò nella penisola coreana tra il 1950 e il 1953 .

E' di fatto una delle fasi più acute della guerra fredda, durante la quale il mondo rimase con il fiato sospeso, temendo lo scoppio di un nuovo conflitto mondiale con l'uso delle bombe nucleari.  

La guerra di Corea terminò Il 27 luglio del 1953 quando si arrivò a un armistizio ma non alla conclusione di un accordo di pace. La linea del fronte fu quindi trasformata in una zona demilitarizzata lunga circa 240 chilometri e larga quattro, lungo la quale sono rimaste schierate le forze armate dei due paesi.

L'amministrazione americana ha garantito il suo appoggio alla Corea del Sud, dove i militari americani sono presenti fin dalla fine del conflitto nel 1953. Oggi sono circa 25mila i soldati americani di stanza in una ventina di installazioni militari sudcoreane. Come residuo della Guerra Fredda la Nord Corea è sempre stata appoggiata dalla Cina e dalla Russia, di fatto mai condannando il continuo perseverare della ricerca di costruzione della bomba atomica da parte di Pyongyang.

Cosa succederebbe se il regime Nord Coreano avventatamente lanciasse il primo missile a media/lunga gettata? La risposta è nel trattato di difesa stipulato tra USA e Corea del Sud che obbligherebbe Washington ad un intervento militare nel caso in cui dovesse scoppiare una guerra tra la Corea del Sud e la Corea del Nord.

E non siamo certi che nel caso in cui venisse "Dichiarata Guerra" ci sia l'intervento e l'appoggio dell'Iran e della Cina. Fattore che porterebbe quasi sicuramente all'utilizzo di ordigni nucleari per spegnere i focolari. 

Per fortuna ad oggi sono solo Venti di Guerra, che sembrano quasi delle dimostrazioni di forza tra due galli in gabbia. Anche se la minaccia resta concreta.

Segui la nostra pagina Facebook!