Il decreto Salva - banche del governo Renzi ha scatenato la rabbia dei risparmiatori “beffati” e per rimediare allo scandalo Bankitalia, l’esecutivo ha proposto di istituire un fondo si solidarietà per risarcire gli azionisti che hanno perso i loro risparmi. Intanto nuovi elementi e collegamenti sono venuti alla luce riguardo ai bonifici di beneficenza, di una presunta società di yacht di lusso.

I bonifici della Privilege yard a Bertone

L’Istituto di credito avrebbe prestato soldi a una società che è fallita senza costruire neanche uno yacht ma che avrebbe fatto delle ricche “elargizioni di beneficenza”.

Secondo l’indiscrezione di Libero, il cardinale Bertone avrebbe utilizzato le casse della Privilege yard.Quei soldi potrebbero essere stati spesiper sostenere la beneficenza ai Salesiani, l’ordine religioso al quale appartiene Tarcisio, al Movimento dei Focolai, per interventi umanitari in Sud America e Africa, e per costruire chiese in Ucraina e India.

Le indagini in corso degli investigatori hanno portato ai bonifici della società di costruzione di yacht insolvente verso vari Istituti di credito e fallita a giugno 2015. La Privilege yard è stata fondata nel 2007 con un capitale sociale di 75 milioni di Euro, versato da Robert Miller, azionista di Louis Vuitton e CNN, dell’ex-segretario dell’ONU Javier Perez de Cuellar, e dal sultano del Brunei.

La Banca Etruria avrebbe avuto un'esposizione in questa vicenda per 34 milioni di euro.

Governo apre inchiesta Bankitalia

Mentre gli inquirenti stanno indagando sulle motivazioni dietro alla generosità dell’ex imprenditore e Ad della Privilege yard verso “l’alto prelato”, il pensionato Luigino D’Angelo si è suicidato qualche giorno fa dopo aver perso tutti i suoi risparmi, perché la banca per non fallire ha dovuto rifarsi sui soldi degli investitori.

Nel frattempo il sottosegretario all’Economia, Enrico Zanetti ha confermato che sarà istituita una commissione parlamentare d’inchiesta su Bankitalia: “Per verificare le responsabilità civili e penali individuali di chi ha operato male e controllato male”.

Se volete rimanere aggiornati sulle notizie di politica v’invitiamo a cliccare su “Segui” sotto il titolo dell’articolo.

Segui la pagina Matteo Renzi
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!