La Palestina è una terra in cui i palestinesi si sentono prigionieri. Lo scorso agosto, Pam Bailey, cittadina americana e impiegata presso i Diritti Umani di Europa e Mediterraneo a Gaza, è stata fermata all'aeroporto di Tel Aviv e le è stato vietato l'accesso a Gaza. La donna è rimasta bloccata per undici ore, prima di riavere il suo passaporto e ritornare sul suolo americano: ora non potrà più mettere piede in Israele per i prossimi dieci anni.

Pubblicità
Pubblicità

Esiste al mondo un Paese che vieti ai visitatori di entrarci? La storia di Pam è una storia comune tra i ricercatori e i turisti che vogliono recarsi a Gerusalemme e che si trovano fermati dalle autorità proprio in aeroporto. Ad Al Jazeera, la Bailey dice: "Israele dice di non occupare Gaza, ma non lascia che i visitatori vi entrino. Non è forse questa la definizione di prigione? Noi non vogliamo andare in Israele, ma in Palestina."

La Palestina e la lotta per la libertà

Le Nazioni Unite sono intervenute lo scorso settembre accusando Israele di aver inscenato una campagna contro gli onesti lavoratori.

Pubblicità

Secondo il sito ufficiale dell'organizzazione, molte visite e viaggi verso Gaza e la West Bank sono stati cancellati, proprio a causa della politica ferrea di Israele che tra l'altro ha limitato l'uso dell'acqua ai palestinesi. Non a caso, i movimenti liberali pro-Palestina sono aumentati pericolosamente dall'inizio del 2016, e si sono accessi dopo il dibattito che negava l'esistenza della Palestina stessa.

Più Israele va avanti con le sue politiche, e più i palestinesi si sentono oppressi e prigionieri nel loro stesso Stato. Le Nazioni Unite, in particolare, riportano come il numero dei lavoratori sia debolmente diminuito, tanto che per alcuni impiegati dell'organizzazione è stato revocato il permesso per uscire da Gaza.

Da Gaza si esce solo con permessi speciali

In sostanza, i palestinesi residenti a Gaza devono chiedere alle autorità palestinese e israeliane i permessi speciali per abbandonare Gaza tramite il valico di Erez, che attraversa Israele.

Sia che si tratti di visitatori, ricercatori, pazienti, operatori umanitari o studenti che studiano all'estero. Non è detto che coloro che vogliano uscire da Gaza riescano a farcela: molto spesso le autorità israeliane non forniscono dettagli sul diniego. Questa è la storia della Palestina in una delle tante giornate di ordinaria amministrazione. Questi sono i palestinesi, costretti a vivere come prigionieri nel loro stesso Paese.

Pubblicità

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto