'Che squallore questa doppia morale'. Durissimo attacco al governo giallo-verde da parte di Maria Elena Boschi, l'ex ministro prende spunto dalla decisione del tribunale del Riesame di confermare il sequestro di 49 milioni di euro nell'ambito della vicenda giudiziaria che coinvolse la Lega per truffa ai danni dello Stato. La Boschi fa riferimento alle parole spavalde di Matteo Salvini e parte in un assalto frontale tramite un post sulla sua pagina Facebook. "Io sono stata massacrata due anni soltanto per aver incontrato l'amministratore di una banca", scrive sul social network.

Pubblicità
Pubblicità

'Tutti fanno finta di nulla'

Maria Elena Boschi, pertanto, parte dalla querelle nei suoi confronti che ha scatenato un incredibile turbine mediatico, sulla stampa, ma in particolare sui social network dove è stata vittima di pesanti accuse ed insulti. Era il 12 dicembre del 2014 quando incontrò l'amministratore delegato di Unicredit, Federico Ghizzoni, in merito alla vicenda di Banca Etruria. "Sono stata massacrata soltanto per un incontro, immaginate cosa potrebbe accadermi se rubassi 49 milioni e rifiutassi di restituirli, nonostante una sentenza.

Pubblicità

Salvini - prosegue il post dell'ex ministro - annuncia che non restituirà nulla e tutti fanno finta di niente. Che fine hanno fatto i finti onesti a cinque stelle? Tutti in ferie?".

L'attacco di Matteo Renzi

L'ex premier Matteo Renzi rincara la dose su Twitter. "La Lega ladrona fa sparire 49 milioni e Salvini dice: mi dispiace, ma non li ho più, tanto gli italiani sono con noi". L'ex segretario del Pd esprime il suo sgomento quanto sottolinea a caratteri cubitali che "qui si parla di sentenze e non di sondaggi, c'è un ministro che non rispetta una sentenza?

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pd Lega Nord

E i cinque stelle? Tutti zitti per tenersi la poltrona?".

Renzi ha proseguito la sua arringa contro l'attuale maggioranza di governo anche nel corso del suo intervento alla Festa dell'Unità di Ravenna.

"Ricordo quando i leghisti scrivevano 'Roma ladrona, la Lega non perdona', peccato che oggi sia Lega ladrona. Quanto ai cinque stelle, stanno vivendo una fase un pò complicata e cambiano idea ogni giorno". L'ex presidente del Consiglio prende spunto anche dalla questione Ilva. "Ci hanno massacrati cinque anni perché noi giocavamo con la salute dei bambini di Taranto e tenevamo aperta l'Ilva, ora fanno un accordo per tenerla aperta e cancellano tutti i loro tweet del passato.

Pubblicità

La loro è una classe dirigente di scappati di casa".

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto