La legge sulla corruzione fortemente voluta dal ministro della giustizia Alfonso Bonafede ha compiuto i suoi passi nella commissione giustizia della Camera e lunedì arriverà in aula.

Ci sono stati i via libera al daspo per i corrotti, alla riforma della prescrizione con un emendamento del movimento 5 stelle che ne posticipa l'attuazione al 2020 come deciso nell'accordo politico tra le due forze di maggioranza e all'agente infiltrato.

Pubblicità
Pubblicità

Non sono mancate le frizioni tra le due forze politiche per quanto riguarda la norma sulla trasparenza delle fondazioni legate ai partiti; Il M5S infatti chiedeva che la soglia fosse portata a 500, mentre i leghisti spingevano per 2000.

Come funzionerà il daspo

Il daspo impedisce qualsiasi rapporto con la pubblica amministrazione ai condannati. Per pene inferiori ai 2 anni è previsto un daspo fino ad un massimo di 5 anni, mentre per quanto riguarda condanne superiori ai 2 anni il daspo è a vita. Oltre al daspo c'è anche l'interdizione perpetua dai pubblici uffici.

Pubblicità

Su questa misura c'è da dire che magistrati molto importanti per la lotta alla corruzione come Cantone e Davigo hanno mosso varie critiche a questa misura, il secondo intervistato a piazza pulita ha parlato di misura inutile, perché a suo dire il corrotto troverebbe comunque il modo di partecipare al concorso pubblico, magari con un prestanome.

Un altro emendamento approvato è l'agente infiltrato; il suo compito è quello di infiltrarsi nelle amministrazioni pubbliche per scovare il fenomeno corruttivo dall'interno, oppure fingere di essere un imprenditore e partecipare ai concorsi pubblici.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
M5S

Poi ci sono alcune misure minori ma a mio avviso importanti come la figura del pentito corrotto; per chi si pente, fa trovare i soldi e fa i nomi dei complici è prevista l'impunità.

I pentiti ad esempio furono molto utili al tempo del maxi processo alla mafia, infatti la confessione di Tommaso Buscetta permise a Giovanni Falcone di capire la struttura di cosa nostra.

Approvato anche l'emendamento sulla prescrizione

Dopo lo scontro tra Lega e Movimento 5 stelle e l'accordo, arrivata anche l'approvazione dell'emendamento sulla prescrizione che sarà bloccata dopo la sentenza di primo grado.

Il Movimento 5 stelle ha presentato anche l'emendamento che ritarda l'entrata in vigore del decreto dopo il 2020; in attesa di una seria riforma del codice penale che riduca i tempi biblici dei processi e che entrino in vigore gli investimenti (500 milioni di euro nella legge di bilancio) sul comparto giustizia.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto