Salvini e Di Maio al braccio di ferro: la partita del dl sicurezza e del decreto anti corruzione si gioca su due fronti, al momento contrapposti. Sul primo decreto il governo ha posto la fiducia ed è appena stato approvato dal Senato, mentre sul secondo Lega e 5 Stelle stanno discutendo sullo stop alla prescrizione dopo la condanna di primo grado.

Salvini e l'ipotesi voto a Marzo

Il dl Sicurezza è uno dei cavalli di battaglia del Carroccio, mentre il tema dell'anti corruzione è il fiore all'occhiello dei grillini, che in particolare sulla rimozione della prescrizione non vogliono mollare.

Pubblicità
Pubblicità

In queste ultime ore concitate, all'interno del Carroccio, c'è già chi si prepara a un piano B che potrebbe portare la Lega a riavvicinarsi al centrodestra. Salvini, però, al momento non lascia trapelare nulla e anzi ostenta una certa serenità: "Il dl sicurezza e immigrazione sarà un passo in avanti. Sono felice". Il vicepremier si era impegnato molto su questo tema nei confronti dei suoi elettori e ora il decreto è appena stato approvato al Senato.

Pubblicità

"C'è una maggioranza stabile, forte e coesa di cui vado orgoglioso" ripete Salvini. Di Maio però non lascia intravedere nessun passo indietro sulla prescrizione: "Carcere e daspo per i corrotti e prescrizione dopo il primo grado di giudizio nei processi penali" dice, ribadendo che questa è una battaglia fondamentale per i 5 Stelle. Parole chiare quelle del ministro del Lavoro, che fa capire quanto sia importante per i grillini proseguire sulla strada della riforma della giustizia.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica Matteo Salvini

In questo quadro politico alquanto strano e instabile già cominciano a rincorrersi voci di corridoio. Secondo il Corriere, tra i leghisti c'è molta agitazione. All'interno del Carrocio qualcuno già ha pronosticato il prossimo futuro: Paolini ha infatti dichiarato che si sta correndo verso elezioni anticipate, non a giugno ma addirittura a marzo.

Giochi di potere

Tuttavia, a qualcuno esterno al governo questo braccio di ferro tra leghisti e grillini sembra una messa in scena.

Per il forzista Marin si tratta di "un gioco delle parti": un sistema utile a entrambi gli schieramenti per svolgere il ruolo contemporaneo di maggioranza e opposizione. Però, se realmente fosse così, non si comprende come mai Di Maio abbia riunito la squadra di Governo, della quale è "insoddisfatto".

Nelle ultime ore il dl Sicurezza è stato approvato dal Senato. Salvini ha esultato sul suo profilo Facebook e ha dichiarato: "Si rassegnino gli sciacalli, questo governo andrà avanti per altri 5 anni".

Pubblicità

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto