Fuochi d’artificio anticipati rispetto all’ultimo dell’anno durante la puntata del talk show di La7, Otto e mezzo, andata in onda mercoledì 19 dicembre. Riuniti a discutere della manovra economica italiana appena approvata dalla Commissione europea c’erano, oltre alla padrona di casa lilli gruber, i giornalisti Marco Travaglio, Marianna Aprile e Massimo Giannini. A parte il direttore del Fatto Quotidiano, tutti gli altri presenti sposano, seppur con toni diversi, la tesi che la nostra legge di bilancio sia stata scritta in realtà a Bruxelles e che il governo Conte abbia dovuto subire un compromesso.

Pubblicità
Pubblicità

Travaglio ritiene invece che, trattativa esclusa, il governo M5S-Lega sia il primo da qualche anno a questa parte ad essersi ribellato al diktat dei burocrati Ue. Gruber e Aprile lo irridono e lo contestano con un sorriso beffardo ed è a quel punto che parte la bagarre.

Il discorso di Marco Travaglio: ‘Manovra più invisa alla Ue da quando esiste’

Marco Travaglio viene sollecitato da Lilli Gruber a commentare il fatto che, secondo gli avversari politici come Matteo Renzi e Paolo Gentiloni (entrambi ex premier), la manovra economica del governo Conte sia stata in realtà dettata da Bruxelles.

Pubblicità

“A me risulta che fossero le manovre finanziarie che facevano Gentiloni e i precedenti governi che venivano scritte a Bruxelles - risponde secco il direttore del Fatto - da Berlusconi a Renzi abbiamo avuto per anni dei presidenti del Consiglio che facevano pubblicamente dichiarazioni di fuoco contro l’Europa, poi andavano là e si arrendevano facendo esattamente quello che gli veniva chiesto”. Secondo il giornalista “ci furono addirittura governi il cui programma erano le lettere che mandava la BCE.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica

Questo è un governo che ha fatto delle cose che la Commissione europea non voleva assolutamente nemmeno sentir nominare. Se questa Manovra fosse stata scritta dalla Commissione il rapporto deficit/Pil sarebbe all’1,6% e non sopra al 2%. Reddito di cittadinanza e quota 100 sulle pensioni non ci sarebbero perché misure detestate dalle cancellerie europee e invece partiranno. Questa è la manovra economica più invisa alla Commissione da quando esiste”.

‘Se la Commissione potesse sterminare pensionati e disoccupati lo farebbe’

“Dopodiché uno può menarla come gli pare - prosegue nella sua invettiva Marco Travaglio - purtroppo le cose stanno esattamente così, nel senso che queste misure l’Europa non le voleva. Non pretendevano di decidere soltanto i tetti di spesa (con piena legittimità visto che l’Italia ha firmato dei trattati), pretendevano pure di scrivere quello che c’era dentro la manovra.

Pubblicità

Non l’hanno potuto fare, si sono ritrovati i gilet gialli per le strade di Francia, si sono spaventati, hanno dovuto concedere a Macron una violazione del trattato principale che è il Patto di Stabilità e, quindi, per non avere figli e figliastri, hanno dovuto ingoiare il rospo di una manovra italiana che alla Commissione non piaceva. Se avesse dovuto scrivere la manovra avrebbe dato ancora una volta addosso ai pensionati, ai poveri e i lavoratori perché queste sono le politiche che piacciono a Bruxelles. Se la Commissione europea potesse sterminare tutti i pensionati e tutti i disoccupati lo farebbe volentieri”.

Pubblicità

Marianna Aprile: ‘Europa buon padre di famiglia, sue ingerenze legittime’

Un giudizio tranchant, condivisibile o meno, che suscita l’ilarità di Lilli Gruber la quale, con la sua consueta aria di superiorità, di quella che sa tutto, al contrario del popolo bue, si rivolge a Marianna Aprile: “Condividi questa analisi di Marco Travaglio, sulla quale ci sarebbero molte cose da dire?”. Domanda che fa scattare Travaglio che replica: “Beh ci sono tante cose da dire su tutto quello che dite anche voi, cioè non è che ci sono molte cose da dire soltanto su quello che dico io”. E la Gruber: “Ma certo, infatti siamo qui e ognuno dice quello che pensa”. Ma anche la risposta della Aprile risulta una difesa a spada tratta dei burocrati brussellesi. “Non molto, sinceramente non condivido questo dipingere la Commissione come una sorta di mostro che ambisce solo a sterminare gli ultimi - dice la giornalista di Oggi - l’Europa non è brutta, sporca e cattiva, ma un buon padre di famiglia. Le sue sono ingerenze legittime. Il debito concesso a Macron è stato un bene per noi. La Francia ha meno debito ed è più credibile di noi che abbiamo dato fino a ieri dell’ubriacone a Juncker”.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto