È stato un duello particolarmente rustico quello dialettico messo in piedi da Marco Travaglio e Sebastiano Barisoni. Il direttore de Il Fatto Quotidiano e il vice direttore di Radio 24 non si sono risparmiati frecciate particolarmente velenose e lo hanno fatto da ospiti della trasmissione di La 7 'Otto e mezzo', condotta da Lili Gruber. La fase che ha fatto maggiormente infiammare il confronto tra i due è stata quella in cui Barisoni ha puntato il dito contro il "nero" che si annida nell'economia italiana e Travaglio ha inteso puntualizzare che si tratta di un fenomeno che non può essere imputato a chi arriverà alla pensione grazie alla misura opzionale Quota 100 o al reddito di cittadinanza. Uno scambio di battute in cui non sono mancati gli attacchi e le insinuazioni sul personale.

Pubblicità
Pubblicità

Gli animi tra Travaglio e Barisoni si surriscaldano

Ad aprire la strada ad un confronto sul piano personale pare essere Sebastiano Barisoni che nel rivolgersi a Travaglio, ha sottolineato come, a suo avviso, sia quasi ossessionato dalle imprese. Manifestando il suo punto di vista, ha evidenziato come non possa essere imputata l'evasione alle imprese, considerato che si tratterebbe di una pratica molto difficile, quasi impossibile, soprattutto per quelle che fanno affidamento sull'ausilio di lavoratori dipendenti e che quindi hanno un rapporto con il Fisco particolarmente controllato.

Pubblicità

Chi, secondo il vice direttore di Radio 24, alimenta il 'nero' sarebbero le aziende che operano nel campo del digitale e pagano le tasse in Irlanda ed in Lussemburgo, ma allo stesso modo ha sottolineato come alcuni provvedimenti di questo governo si inquadrano tra i potenziali rischi. Per lui il reddito di cittadinanza erogato ai giovani, con speciale riferimento a quanti vivono al Sud, sarebbe un un grosso strumento "per agevolare il nero".

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
M5S Lega Nord

Travaglio diventa ironico

Un punto di vista che, evidentemente, scatena la rabbia di Travaglio che ha rammentato quanti istituti bancari negli ultimi anni abbiano restituito centinaia di milioni di euro di tasse evase. "Ci volete raccontare - ha tuonato - che il nero in Italia lo fanno i pensionati che vanno in pensione un anno prima grazie a Quota 100 oppure i poveracci". A quel punto Barisoni ha fatto presente a Travaglio che è in difficoltà, quasi come se volesse difendere l'operato di un governo che lui definisce "fallimentare".

La risposta di Travaglio è piccata: "Capisco che è difficile difendere Confindustria". "Non siamo - ha domandato con sarcasmo il direttore de Il Fatto Quotidiano - nel Paese dove gli imprenditori denunciano meno dei dipendenti? Non le leggi le classifiche?": "Il nero - ha concluso con ironia Travaglio - lo fanno i cinque milioni di poveri assoluti che prendono il reddito di cittadinanza".

Ecco la puntata integrale:

<iframe src='https://static.la7.it/embedded/la7?&tid=player&content=268613&title=salvini-di-maio-e-il-bagno-di-realt%C3%A0-10-04-2019-268613' width='100%' height='360' allowfullscreen frameborder='0'></iframe>

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto