Nell’ultima puntata di Agorà, il talk show mattutino in onda su Rai 3 condotto da Serena Bortone, si discute, tra le altre cose, del caso Siri, il Sottosegretario leghista accusato di corruzione che sta facendo tremare il governo formato da M5S e Lega. Il premier Giuseppe Conte ha chiesto ufficialmente un passo indietro al fedelissimo di Matteo Salvini, ma la situazione è ancora in stallo, con i 5 Stelle che spingono per le dimissioni e il ministro dell’Interno che ha posto il veto.

Pubblicità
Pubblicità

Tutto, forse, si deciderà dopo le elezioni Europee del 26 maggio. Intanto, gli avversari politici dell’esecutivo gialloverde vanno all’attacco. È il caso di Pier Ferdinando Casini, senatore iscritto al gruppo Per le autonomie, ma eletto grazie all’accordo con il Pd, e anche del giornalista David Parenzo. I due, in pratica, dal salotto di Agorà accusano i pentastellati di utilizzare due pesi e due misure.

Pubblicità

L’ironia di Pier Ferdinando Casini contro il M5S: ‘Io garantista sempre’

È un Pier Ferdinando Casini dal sorriso beffardo e rilassato quello che si accomoda nello studio di Agorà per discutere del caso Siri. L’ex alleato storico di Silvio Berlusconi, da qualche anno divenuto sostenitore dei governi di centrosinistra (Renzi e Gentiloni) e ora rieletto al Senato proprio grazie all’appoggio dei Dem a Bologna, è scatenato contro il M5S.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
M5S

“Loro sono giustizialisti con gli altri e garantisti con se stessi - dice facendo riferimento ai grillini - E questa, dato che sono un garantista sempre, tutto sommato non è tra le peggiori notizie della settimana.

Voglio dire - prosegue poi nel suo affondo - è importante che ci si renda conto che ogni tanto, prima di emettere delle sentenze, bisogna che…(si interrompe ndr); comunque qui stiamo parlando, in ogni caso, di opportunità politica. Se questa cosa fosse capitata a qualcuno di un altro governo sarebbe stato impalato”.

L’affondo di David Parenzo: ‘Problema tutto politico per i pentastellati’

Un giudizio tranchant, quello di Casini, che va a fare il paio con quello pronunciato dal giornalista David Parenzo, da sempre sostenitore neanche tanto occulto dei partiti di centrosinistra. “Quale è la prova regina di tutta questa vicenda? I 30mila euro ci sono o no? - va giù duro il conduttore de La Zanzara insieme a Giuseppe Cruciani - Gli emendamenti che sono stati presentati c’erano, però poi non sono andati avanti.

Pubblicità

Il problema però è tutto politico per il M5S - questa la tesi di Parenzo - perché non è che le cose possono cambiare perché ora siete al governo. In passato, per molto meno, contro il sindaco di Roma, Ignazio Marino, è stata scatenata una campagna pazzesca, ma pensiamo a tanti altri ministri dei governi passati.

Pubblicità

Quindi Conte che cosa aspetta per prendere una decisione? Le elezioni Europee probabilmente, per capire cosa fare”.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto