Bruno Vespa, in un editoriale apparso su Quotidiano.net, ha avuto modo di analizzare lo scenario politico che si sta configurando in Italia. Attualmente tutto si annida attorno a due fronti. Uno è quello dell'opposizione, dove la Lega sembra pronta a riabbracciare Fratelli d'Italia e Forza Italia in quella che potrebbe essere la definitiva ricomposizione del centro-destra in quella che può essere la sua formazione storica.

Dall'altro lato, invece, ci sono Partito Democratico e Movimento Cinque Stelle. Il neonato governo giallorosso, soprattutto nella sua parte dem, vivrà un potenziale snodo cruciale in quelle che saranno le prossime elezioni regionali, dove l'obiettivo è il mantenimento delle storiche roccaforti. Allo stesso tempo, occorrerà valutare come saranno gestite le eventuali contese politiche quando sarà il momento di andare a scegliere la direzione da intraprendere relativamente a diverse questioni migranti che possono, secondo Vespa, essere racchiuse in due macro-aree: soldi e migranti.

Vespa pone il focus sulla questione migranti

Bruno Vespa, nel suo articolo, ha posto l'accento sul fatto che la gente non è molta attenta a quelle che, eventualmente, sono le possibilità che il Partito Democratico finisca per essere teatro di uno scisma.

Alla reale attenzione dell'opinione pubblica ci sono essenzialmente i fatti. Il conduttore di Porta a Porta non ha dubbi nel ritenere che "fatti" possa essere un termine che identifica essenzialmente due temi: immigrazione e soldi. Sul primo argomento occorrerà capire, secondo Vespa, quale decisione si prenderà alla luce del fatto che esistono all'interno dell'esecutivo due anime: quella pentastellata che non sembra vogliosa di cambiare la linea dei "porti chiusi" e quella dem che, secondo il giornalista, la pensa "all'opposto".

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Matteo Salvini M5S

La base del ragionamento dem, secondo Vespa, sarebbe finalizzata ai possibili accordi con l'Unione Europea. "Vediamo - scrive -se e in quali termini l'Europa farà quel che ha sempre rifiutato: l'automatismo nella distribuione dei migranti".

Salvata l'Iva, per Vespa, restano le briciole

Il governo, com'è noto, dovrà andare a breve a scrivere la nuova legge di bilancio. Il primo obiettivo è disinnescare le clausole di salvaguardia che comporterebbero l'aumento dell'Iva.

"I soldi - evidenzia Vespa - sono pochi: salvata l’Iva restano briciole". Si tratta di un presupposto che potrà influenzare le politiche economiche considerato che occorrerà valutare quali categorie l'esecutivo andrà a privilegiare e quali strategie si adotteranno. Orizzonti che potrebbero diventare difficili, considerato che i due partiti hanno opinioni diverse sulle priorità o comunque sulle politiche preferenziali da mettere in campo in materia economica.

'Come - conclude Vespa - disse Badoglio il 25 luglio del ’43, "la guerra continua"... '.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto