Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ieri, sabato 23 maggio, in un'intervista a "Milano Finanza", ha parlato delle attuali problematiche relative alla Fase 2 del Coronavirus e della crisi economica in atto.

Fra i vari passaggi, il premier ha affermato: "Sul virus anche gli scienziati hanno difficoltà a fare delle previsioni. Dobbiamo continuare a essere responsabili e a ottemperare alle norme sanitarie, fino a quando non verrà messo a disposizione un vaccino".

Il premier: 'Dobbiamo ideare un'Italia migliore, digitale, verde'

Per riprogrammare la ripresa italiana, secondo il parere espresso da Conte a "Milano Finanza", non occorre dare mandato a un nuovo ministro o comitato, in quanto esistono già strumenti "utili a monitorare le norme sulla liquidità, atte a garantire il rilancio del nostro Paese".

Inoltre, il presidente del Consiglio ha spiegato che le Camere stanno già svolgendo un grosso lavoro per velocizzare i tempi d'erogazione delle misure messe a disposizione dal nuovo decreto Rilancio. "Presto arriveranno anche i suggerimenti del comitato economico guidato da Colao - ha assicurato il premier - e le idee per ricostruire l'Italia non mancano. Approfittiamone per puntare sul digitale, sugli spazi verdi, in modo da migliorare la nostra nazione".

Conte: 'I miei ideali sono sempre gli stessi'

Il premier sostiene che questa emergenza sanitaria non ha apportato alcun cambiamento sul suo modo di fare Politica: "I miei ideali sono sempre gli stessi: i principi della Costituzione, il fondamento etico e il perseguimento del bene comune, che racchiude sia il merito che le metodologie d'azione di governo.

Per quanto concerne il merito, lo dobbiamo al fatto che il bene del popolo è la prerogativa di tutte le azioni svolte dallo stesso. Quanto al metodo, perché individuare il benessere comune scaturisce da una costante opera attuata attraverso il confronto con tutte le forze politiche e gli stakeholders e la mediazione, che non significa medietà, bensì bilanciamento di tutti gli interessi in gioco".

Inoltre Conte ha affermato: "Questa emergenza mi ha trasmesso nuove energie: mi ha fatto toccare con mano il coraggio di milioni di persone che non si arrendono e che vogliono ripartire più forti di prima".

La crisi e l'indebolimento del mercato europeo

Giuseppe Conte si è rivelato fortemente positivo in merito alla ripresa economica: "Le azioni di politica comune già approvate e il Fondo per la Ripresa, per il quale stiamo negoziando, saranno determinanti per una piena ripresa delle nostre economie interconnesse e la tutela del mercato unico.

A queste si affiancherà un progetto riformatore che prevede una drastica semplificazione della macchina amministrativa e burocratica, più una forte scossa per accelerare la realizzazione del piano infrastrutturale. Questa sarà la madre di tutte le riforme".

Segui la pagina Coronavirus
Segui
Segui la pagina Politica
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!