"Out of Bounds": tre parole che nel cuore del centro storico di Salerno raccontano una storia vecchia di oltre settant'anni, quando nel 1943 le truppe americane avvertivano del pericolo in cui si incorreva, uscendo "fuori dai limiti" della loro giurisdizione. Oggi lo spirito del "fuori confine" rivive con la IV rassegna delle "Drammaturgie oltre confine OUT OF BOUNDS", ideata e diretta da Licia Amarante e Antonella Valitutti, che già operano sul territorio di Salerno con l'Officina Teatrale LAAV e la giovane compagnia dei The LAAVers.

#OUTOPENING, serata inaugurale della IV rassegna teatrale #OOB2018

La rassegna è stata presentato lo scorso 15 gennaio nella suggestiva cornice dell'Archivio dell'Architettura di Salerno, dove sono stati svelati non sono gli eventi che la compongono, ma anche i temi che caratterizzano questa edizione.

La sfida che le organizzatrici si sono poste per questa IV edizione è ancora più ardua e riconferma un imperdibile appuntamento. "Non è facile organizzare in totale autonomia", conferma Licia Amarante, "Una rassegna indipendente. La nostra unica forza economica è quella dei nostri soci, che come noi, credono in una cultura no profit. Fare cultura è sinonimo di resilienza, significa cambiare il mondo. Fare teatro significa stimolare il senso critico della società. La nostra missione è compiuta quando lo spettatore si alza dalla sedia con un dubbio, con un perché". Patrocinata moralmente dall'Assessorato alle Politiche Sociali del comune di Salerno, grazie all'assessore Giovanni Savastano, per la prima volta l'Out Of Bounds approda anche al Teatro Augusteo di Salerno, il prossimo 11 marzo, con "La paranza dei bambini", spettacolo tratto dall'omonimo romanzo di Saviano.

I migliori video del giorno

La preziosa collaborazione tra chi fa teatro e chi fa sociale è confermata dalle parole di Paola De Roberto, consigliere comunale, che ha presenziato alla serata nelle veci dell'assessore Savastano. "I primi ringraziamenti vanno alle organizzatrici per l'impegno che profondono nell'attività no profit. Il teatro contemporaneo che l'Out of Bounds propone è molto vicino ai giovani e ci dà modo di apprezzare il teatro come un potente mezzo per fare prevenzione, per rispondere a reali emergenze educative". Questa IV edizione si arricchisce di una nuova preziosa collaborazione, grazie al patrocinio scientifico della cattedra di Sociologia dello spettacolo multimediale dell'Università degli Studi di Salerno, rappresentato dal prof. Vincenzo Del Gaudio che è intervenuto nel corso della serata.

Tante le novità di questa edizione

"Sono tante le novità introdotte in questa nuova edizione di Out of Bounds", svela Antonella Valitutti, "la rassegna è stata suddivisa in 3 ambiti: #OUTPLAY, che raccoglie tutti gli spettacoli teatrali, #OUTWORK che si compone di diversi laboratori ed #OUTMEET, una serie di incontri con degli esperti per trattare le diverse tematiche che fanno da spina dorsale a questa edizione del festival.

Si aggiunge poi un quarto ambito esclusivamente dedicato ai giovani del Liceo Classico "Francesco De Sanctis", con cui abbiamo avviato una collaborazione in merito all'alternanza scuola-lavoro. Nell'ambito di #OUTWATCH, infatti, un piccolo gruppo costituito da giovani studenti del Liceo, che hanno fatto richiesta di essere inclusi nell'osservatorio operativo permanente di OOB2018, avrà il compito di approfondire le tematiche sociali e la valenza comunicative dei diversi ambiti del progetto. Al termine del festival potranno scegliere a quale compagnia, artista o esperto assegnare il premio #OOB2018 Osservatorio Giovani, per aver meglio rappresentato le tematiche oggetto di questa quarta edizione". I temi selezionati sono molto vicini ai giovani. Durante il festival si parlerà di amore e sessualità, violenza e sistema delle regole, multiculturalità, riappropriazione di se stessi... Il messaggio fondamentale di cui questa IV edizione di Out of Bounds si fa carico, lo si evince dalle parole di Vincenzo Del Gaudio, docente di sociologia: "il teatro comunica senza le parole", ha detto, "e quando la parola va in crisi, il teatro continua a parlare, ad insegnare, ad educare". Alla domanda "che cosa vi aspettate dalla cittadinanza", Antonella Valitutti ha detto: "ci aspettiamo una risposta ai temi che proponiamo da parte della comunità. Ci auguriamo che Out of Bounds possa dare spunti di riflessione, da cui possano nascere soluzioni per le esigenze sociali. E ci aspettiamo i giovani: tanti giovani a teatro. Proprio per loro abbiamo pensato ad un abbonamento che raggruppa tutti gli spettacoli a 20 euro". Obbiettivi ambiziosi, ma non irraggiungibili. "Il lavoro che abbiamo fatto in questi anni", continua Valitutti, "ci ha molto gratificato. I traguardi che abbiamo raggiunto sono stati segnati da tanto sacrificio anche economico, perché creare dal niente un festival indipendente non è stato facile. Ma andiamo avanti, perché crediamo in ciò che facciamo, nonostante tutto". Chiunque può sostenere il progetto "Out of Bounds - Drammaturgie oltre confine", tramite il crowdfounding.

La serata si è conclusa con la messa in scena di “www | WhiteWereWolf” già vincitore del Premio miglior performance teatrale festival Linea d’Ombra contest 2017 di Salerno. Vediamo di seguito il programma della manifestazione, giorno per giorno.

#OUTPLAY

15/02: Mutamenti/Teatro Civico14 e Muricena Teatro: CHIROMANTICA Ode telefonica agli abbandonati amori

17/02 A.Panettieri e P.Vanacore: ROSY D'ALTAVILLA, l'amore oltre il tempo

22/02 Eternit/Teatraltro: TVATT

23/02 Piccola compagnia impertinente: FRICHIGNO

01/03 Leviedelfool: LUNA PARK Do you want a cracker?

02/03 Vulìè Teatro: SEMI

05/03 I Compà: IL SILENZIO

08/03 Caracò, con la Corte Ospitale e Luca Narrante: OFELIA IN THE DOG DAYS

12/03 LAAV Officina Teatrale: Primo Amore

13/03 stabilemobile compagnia Antonio Latella: OBLO'

15/03 LAAV Officina Teatrale: EUTHALIA-fiore che sboccia

Fuori abbonamento: 11/03 Nuovo Teatro Sanità, con Mismaonda e Marche Teatro: LA PARANZA DEI BAMBINI

#OUTWORK

16-18/02 Domenico Ingenito: Quel che volete studio su La dodicesima notte di Shakespeare

24-25/02 Esposti Teatro: HAKA

27-28/02 Alfredo Toriello (psicoterapeuta sistematico): IN BARCA A VELA CONTROMANO

03-04/03 Leviedelfool: L'ATTORE NELLO SPAZIO (IPERGALATTICO)

10-11/03 Compagnia Capriglione-Limodio, con Marianna Lucibello (nutrizionista): FAME D'AMORE

15/03 Giamila Fiorini: ARIA E LUCE viaggio creativo attraverso le emozioni

#OUTMEET

16/02 Rachele Montoro: EROTIC IS NOT PORN. ART IS NOT A CRIME

18/02 Alfredo Toriello (psicoterapeuta): TANTO RUMORE PER NULLA

09/03 Alessandro D'ambrosi e Santa De Santis: IL CORTOMETRAGGIO: dall'idea allo sviluppo della struttura drammaturgica

12/03 Renata Savo incontra Letizia Russo: ATTENZIONE C'E' DIO SULLA COLLINA. Primo amore ed altri scritti

Info e prenotazioni 0899760122 / 3465906033 / 3779969033