Si torna a parlare di influenza aviaria. È stato isolato il ceppo più virulento del tipo H7 della influenza aviaria, nel corso delle analisi effettuate dal Centro nazionale di referenza di Padova in un allevamento di galline ovaiole ad Ostellato, in provincia di Ferrara.

Nel momento in cui le prime analisi hanno destato i primi sospetti, in attesa di completare dette analisi per ottenere i risultati definitivi, l'allevamento è stato isolato e la ASL di Ferrara e i Servizi Veterinari della Regione hanno predisposto l'abbattimento dei circa 128.000 capi presenti in quel momento nell'azienda.

La Regione ha predisposto inoltre le misure per contenere l'infezione e il monitoraggio degli allevamenti della zona, procedendo al censimento degli allevamenti e degli animali presenti, sospensione di fiere e mercati di animali, secondo il protocollo sanitario previsto dalla normativa sanitaria europea e nazionale.

L'influenza aviaria è una malattia degli uccelli causata da un virus della influenza tipo A ed è stata individuata in Italia ormai più di un secolo fa.

Si conoscono almeno quindici sottotipi di virus influenzali che infettano gli uccelli , anche se tutte le epidemie di influenza altamente patogenica sono causate da virus di tipo A dei sottotipi H5 e H7.

Nelle epidemie recenti, a partire dal 2003, è stata osservata la capacità di questo virus di contagiare direttamente anche esseri umani, causando forme acute di influenza, in qualche caso letali.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Salute

Proprio in questi giorni è giunta dalla Cina la notizia del primo possibile caso di trasmissione da uomo a uomo del virus dell'influenza aviaria H7N9, la donna deceduta aveva 51 anni ed era una dipendente di una azienda avicola. Era giunta in ospedale agli inizi di agosto in preda ad una forte febbre, è risultata contagiata dal virus dell'influenza aviaria, ceppo H7N9, noto come "nuova influenza aviaria".

L'attenzione degli esperti è ai massimi livelli e, secondo il British Medical Journal, fino al 30 giugno sono stati segnalati 133 casi e 43 morti.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto