Secondo alcuni studi effettuati all'Università di Sheffield, i giovani che assumono la cannabis sotto i trent'anni, subiscono effetti negativi sulla loro fertilità.

L'Università di Sheffield e la sua ricerca

I risultati di questa ricerca, lanciano un preoccupante allarme per i giovani sotto i trent'anni, che assumono droghe leggere, come l'hashish e la marijuana. Difatti secondo i ricercatori inglesi dell'Università di Sheffield, chi fa uso di queste droghe, può subire un calo progressivo della fertilità, arrivando a produrre persino uno sperma alterato. Anche secondo il quotidiano inglese l'Independent, la ricerca effettuata dall'Università di Sheffield ha un suo importante valore.

L'Università di Sheffield e le caratteristiche di questa ricerca

Secondo i ricercatori dell'Università di Sheffield, per quanto riguarda l'assunzione di bevande alcoliche e l'uso delle sigarette, non crea problemi alla fertilità maschile. La ricerca, pubblicata sulla rivista scientifica Journal Human Reproduction, è stata guidata dal professore Allan Pacey. Il professore afferma che, negli ultimi anni, l'uso delle droghe leggere è aumentato da parte dei giovani over 30 e di conseguenza, la loro fertilità maschile ha subito dei pesanti effetti negativi. Per quanto riguarda la procedura, la ricerca è stata testata su circa 318 uomini che hanno rilasciato un campione del loro sperma, indicando anche delle informazioni sul loro stile di vita, tra cui l'assunzione di bevande alcoliche, l'uso delle sigarette e di droghe leggere, come l'hashish e marijuana.

Segui la pagina Salute
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!