Il boom della dieta senza glutine è scoppiato anche in Italia, come tutte le mode americane. Alcune celebrità hanno adottato questo tipo di dieta e non necessariamente perché hanno un'intolleranza ma perché ritengono sia più sana, faccia perdere peso e aumenti l'energia. Negli Stati Uniti 1,6 milioni di persone seguono una dieta senza glutine, senza che gli sia diagnosticata una sensibilità o la celiachia.

Si stima che 18 milioni di individui hanno una qualche forma di intolleranza al glutine e l'1% ha la forma più grave la celiachia, anche se la prevalenza è in aumento e ben 80% non sa di averla. I sintomi sono: gas, gonfiore, stanchezza, mal di testa, diarrea, eruzioni pruriginose. Le conseguenze sono l'anemia, ritardo nella crescita e perdita di peso.

Prove a favore della dieta

Anche se non vi sono prove scientifiche certe a riguardo, studi recenti hanno dimostrato che il glutine può dare dipendenza, attivando i recettori oppioidi del cervello.

Esso è associato a diverse malattie autoimmuni come la Tiroidite di Hashimoto, il diabete di tipo 1, la sclerosi multipla e recenti studi dimostrano un legame anche con la schizofrenia, l' autismo, l' epilessia ecc. Inoltre ad avvalorare tale tesi, la teoria del cardiologo William Davis e le ragioni per cui il grano fa male.

Tuttavia, non è tutto rosa e fiori come sembrerebbe, prima di iniziare una dieta bisogna sempre chiedere il consiglio di un medico o un dietista accreditato visto che l'alimentazione potrebbe essere carente in ferro, calcio, folati, vitamine del gruppo B e D e non necessariamente i cibi pubblicizzati sono più sani, ma possono essere più ricchi di grassi e zuccheri.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Corretta Alimentazione

Inoltre se mangiate più riso rischiate di aumentare l'esposizione all'arsenico. Quindi, si potrebbe aumentare di peso oltre ad essere più costosa. Ci potrebbero essere minori batteri nell'intestino (Bifidobacterium e Lactobacillus) con il rischio che ne sia influenzato il sistema immunitario. Inoltre bisogna fare attenzione perché il glutine non è contenuto solo in alimenti, ma si può trovare in alcuni cosmetici, lozioni, shampoo e farmaci.

Uno studio pubblicato su Journal Clinical Nutrition ha esaminato 158 alimenti etichettati senza glutine in 3 anni e ben il 5% non ha raggiunto i limiti della FDA. Sono quindi da preferire i cibi genuini, piuttosto che prodotti confezionati finché non saranno fortificati e più sani.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto