Il morbillo è una malattia infettiva acuta esantematica dell'infanzia causata dal virus del morbillo e caratterizzata da febbre e da eruzioni cutanee. La prognosi è in generale buona anche se ogni 1-2 casi su 10.000 persone ha esito negativo. Le possibili complicanze sono: polmoniti, otiti, encefaliti e danni neurologici. Fino a oggi la vaccinazione avveniva con un'unica dose singola e in seguito è stata combinata in tre vaccini (MMR, morbillo, parotite e rosolia) nel 1971.

Con la vaccinazione il vaiolo è stato sconfitto nel 1977, la poliomelite cesserà di esistere, a breve, al di fuori dei laboratori e il morbillo sarà probabilmente il prossimo della lista, a giudicare dal tasso rapido di calo dell'infezione a seguito dell'introduzione, nel 1963, del suo primo vaccino. Attualmente il vaccino in uso contro il morbillo e il vaccino trivalente MMR, oggetto di diverse polemiche e che a differenza di altri vaccini non ha mai contenuto il conservante Thimerosal, vietato in molti paesi.

Poiché il morbillo sopravvive solo in ospiti umani, si sta puntando all'eradicazione della malattia con una copertura globale del 95%, attualmente è del 85% (calo che si è avuto anche a seguito di polemiche circa la sicurezza del vaccino MMR). 

I pareri degli esperti

La CDC e la FDA che monitorano la sicurezza dei vaccini dopo la concessione delle licenze hanno assicurato una buona efficacia del prodotto farmaceutico, inoltre a oggi non è stata riscontrata alcuna correlazione causale tra l'insorgenza dell'autismo e il vaccino MMR. Di contro, ad esempio, il parere del Dr. Richard Deth, professore di Farmacologia presso la Facoltà di Scienze al Bouvé College e presso la Facoltà di Farmacia alla Northeastern University, il quale suppone che la causa principale dell'autismo sia di tipo ambientale e che bisognerebbe effettuare ulteriori studi su soggetti autistici per esserne sicuri, tenuto conto che recenti studi hanno rivelato il ruolo centrale dello stress ossidativo e dell'infiammazione alla base della malattia.

La scoperta

E' recentissima, l'ultima scoperta, in fase di sviluppo, in tema di vaccinazione, arriva dall'America: un cerotto-vaccino con 100 microscopici aghi fatti di polimero, zucchero e vaccino contro il morbillo. La sperimentazione sugli uomini dovrebbe iniziare nel 2017 e il cerotto potrebbe essere usato contro polio, influenza, rosolia, tbc ecc. Il Georgia Institute of Technology e il CDC di Atlanta ha progettato un nuovo metodo per somministrare il vaccino senza rischi per l'operatore, semplificarne lo stoccaggio e lo smaltimento.

Quando è applicato, basta una leggera pressione del pollice sul cerotto e i microaghi premono negli strati superiori della pelle e si dissolvono in pochi minuti rilasciando il vaccino. Il cerotto può essere gettato. Il cerotto-vaccino è stato testato con successo e senza effetti collaterali sugli animali e sperando funzioni anche nell'uomo sarà sicuramente una rivoluzione globale della vaccinazione anche perchè la distribuzione avverrà attraverso l'accesso universale per le persone di tutte le comunità. 



Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto