Nel diabete di tipo 2, lo stress ossidativo e l’infiammazione hanno un ruolo centrale nella patofisiologia della malattia, ma l’alimentazione può impedire questi processi.

È quello che hanno indagato i ricercatori della Faculty of Medical Sciences e l’Institute of Health and Society, Newcastle University, UK, in uno studio, durato 4 anni, che ha coinvolto ben 1531 individui, di età compresa tra i 19 e i 65 anni, in sovrappeso.

È stata analizzata la correlazione tra tipo di alimentazione seguita, livelli plasmatici dei markers dell’infiammazione cronica o di grado lieve (proteina C reattiva o CRP) e di quelli ad azione anti-ossidante (carotenoidi), e percentuale di insorgenza del diabete di tipo 2.

I dati sono stati sorprendenti. Il modello dietetico risultato anti-infiammatorio e anti-ossidante, è stato quello comprensivo di una quantità elevata di ortaggi, frutta, semi oleosi (noci, mandorle, nocciole, semi di zucca, di girasole, pistacchi) e pesce, quindi con un buon apporto di proteine (portate lievemente sopra al 20% dell’energia totale), acidi grassi omega-3, fibre, sali minerali, tra cui il magnesio; lo stesso modello era carente di pane bianco, zucchero e latte intero (alimenti considerati, dunque, pro-infiammatori).

Questo tipo di dieta è stata in grado di mantenere bassi, i valori della CRP e alti, quelli dei carotenoidi, e di contrastare la comparsa del diabete di tipo 2, secondo quanto pubblicato sulla rivista International Journal of Food Sciences of Nutrition, in agosto 2016.

Dieta ad azione infiammatoria e grasso viscerale

Nello stesso studio clinico, i pazienti in sovrappeso che hanno aderito ad un altro modello dietetico, basato su una bassa quantità di ortaggi e frutta, un elevato apporto di zucchero, di bevande dolci e di derivati del latte, hanno manifestato livelli alti di CRP (marker dell’infiammazione) e sono stati soggetti alla comparsa del diabete.

In alcuni pazienti, l’educazione a cambiare stile di vita, con una dieta ad azione anti-infiammatoria, ha portato alla riduzione delpeso corporeo e della circonferenza addominale e, in modo significativo, del diabete.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Scienza Corretta Alimentazione

I dati ottenuti, hanno avvalorato il concetto che l’efficacia della dieta anti-infiammatoria e anti-ossidante è mediata dalla riduzione del grasso viscerale.

Magnesio, sale minerale a potente azione anti-infiammatoria

Nel modello dietetico salutare, il magnesio è risultato presente, in abbondanza, negli ortaggi a foglie verdi e nei semi oleosi.

Essendo coinvolto in più di 350 processi enzimatici, ha evidenziato, già in molti studi precedenti, di prevenire l’ipertensione, la sindrome metabolica, il diabete di tipo 2, l’osteoporosi e i tumori del colon e della mammella.

La carenza di questo minerale nella dieta pro-infiammatoria, è stato osservato, in grado di indurre il rilascio di citochine infiammatorie (TNF e IL-6) nel circolo ematico (a loro volta, stimolatori del fegato, nelprodurre il marcatore dell’infiammazione CRP).

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto