Per la prima volta nelle farmacie italiane compare in questi giorni il kit per l’auto-test di screening dell’hiv, a costi contenuti (circa 20 €). È sufficiente prelevare qualche goccia di sangue dal polpastrello e attendere quindici minuti per ottenere l'esito. L'affidabilità dichiarata, con un uso corretto dello strumento, è vicina al 100%.

Il virus dell'HIV

Il virus dell’HIV infetta le cellule del sistema immunitario, rende le persone più vulnerabili a molte malattie, fino a sviluppare la sindrome dell’AIDS.

A 33 anni dalla scoperta del virus, e dei primi studi dei premi Nobel per la medicina Robert Gallo e Luc Montagnier, ora anche l’Italia ha mosso passi importanti per la diffusione capillare dell’auto-test, già diffuso da qualche anno negli Stati Uniti, in Gran Bretagna e in Francia.

Oggi la malattia non spaventa più come un tempo: se diagnosticata e trattata subito all’esordio, l’aspettativa di vita della persona è paragonabile quasi a quella di un individuo sano. Da quando sono state introdotte le terapie antiretrovirali, più tollerabili e come meno effetti collaterali, il numero di decessi è progressivamente diminuito e l’AIDS viene trattata come malattia cronica.

Ma per fermarne la diffusione e il contagio, che può avvenire per via ematica o sessuale, è indispensabile incentivare la diagnosi precoce, come già attuato a livello regionale per altre patologie.

La situazione in Italia

In Italia sono attualmente 120 mila i casi sieropositivi, la maggior parte giovani, con prevalenza nelle regioni Lombardia, Lazio, Emilia Romagna, Liguria, ma nel paese il 25% delle persone sieropositive non sa di esserlo e si stima che nel mondo la percentuale sia del 50%.

Con conseguenze disastrose, a discapito di se stessi e dei propri cari.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Salute

Da qui l’importanza di una corretta prevenzione e informazione, come richiesto dall’OMS, da oggi più diffuse grazie al test fai da te, incentivo al nostro senso di responsabilità, umana e civile. Questo, ci auspichiamo, potrebbe esordire l’esposizione del kit sul bancone della farmacia, accanto alla scatola dei preservativi.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto