È definita chimera il primo embrione uomo-maiale realizzato in laboratorio e trapiantato in una scrofa per la gestazione: il risultato è stata la formazione di organi umani. L'esperimento è stato condotto per quattro anni, ed ha coinvolto 1500 embrioni di maiale, al Salk Institute for Biological Studies (California) e pubblicato sulla rivista Cell.

Sono diversi anni che ricercatori in tutto il mondo stanno cercando il modo di realizzare organi e tessuti in laboratorio con lo scopo di essere trapiantati negli esseri umani. È una questione molto dibattuta perché apre a diverse questioni di tipo etico, soprattutto su quanto la ricerca possa spingersi oltre.

La ricerca, perché una chimera

La chimera è una figura mitologica, un ibrido appunto, un mostro il cui corpo è costituito dall'unione di differenti animali.

È per questo che l'embrione ibrido uomo-animale è definito anche chimera, mette insieme le cellule staminali pluripotenti dell'uomo in embrioni suini con lo scopo di far sviluppare organi da poter trapiantare.

A capo del team di ricerca il prof. Juan Carlos Izpisua Belmonte, che ha rassicurato che la chimera (l'embrione ibrido) è stato distrutto dopo 28 giorni di gestazione all'interno dell'utero di una scrofa.

Dal team è anche arrivata la rassicurazione che nessuna cellula cerebrale è stata utilizzata nell'esperimento.

Lo scopo di questa, come di altre ricerche simili, è quello di dare speranza alle persone in attesa di un trapianto. Realizzare organi in laboratorio potrebbe mettere fine alle liste d'attesa. Il motivo per cui vengono utilizzati i maiali è che questi hanno organi le cui dimensioni sono simili a quelle degli omologhi organi umani e i tempi di gestazione delle scrofe, quindi per l'eventuale sviluppo degli ibridi, è di 112 giorni per cui gli organi si svilupperebbero molto rapidamente.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Salute

La durata dell'esperimento è stato di quattro anni, più tempo del previsto. Le maggiori difficoltà sono arrivate proprio dalla sincronizzazione dei tempi di gestazione diversi tra uomo e suino. Anche un'altra chimera è stata realizzata dai ricercatori, quella topo-ratto. Il team è stato in grado di far crescere diversi organi di ratto in un topo i cui embrioni non contenevano i geni necessari al loro sviluppo.

I risvolti etici

Le ricerche sugli ibridi non godono dei finanziamenti federali negli USA, questo perché il timore, ed è il motivo principale, è che gli scienziati possano spingersi a sviluppare e creare ibridi con intelligenza o qualità umane. I comitati etici dovranno riunirsi e stabilire delle regole perché l'era delle chimere è ormai alle porte.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto