Conclusa la seconda tranche di test del campionato mondiale di Moto GP tenutasi nel circuito australiano di Phillip Island. Vinales e Marquez sono stati i più veloci, mentre Valentino Rossi appare in difficoltà soprattutto a fare tempi con pneumatici usati, il campione di Tavullia non è soddisfatto ed ha già parlato con i tecnici per apportare delle modifiche.

Le tre giornate di prove svolte sul circuito di Phillip Island (Australia) si sono tenute a sole sei settimane dall'inizio del campionato che partirà il 26 marzo dal Qatar sede anche degli ultimi test precampionato.

Pubblicità
Pubblicità

Le prove australiane non soddisfano Rossi

Ducati e Honda migliorano, Lorenzo dice di aver capito come far sfruttare al massimo la Desmosedici e Marquez che la moto si sta avvicinando agli obiettivi prefissati. Yamaha ha difficoltà a realizzare buoni tempi con gomme usurate, ma, nonostante questo, il più veloce in pista è stato Vinales, mentre il compagno di squadra Rossi insegue a fatica e non è soddisfatto dei test australiani.

Rispetto ai primi test in Malesia sembra ci sia stato addirittura un peggioramento, afferma il Dottore.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Moto GP Valentino Rossi

Il feeling con il nuovo telaio è buono ed anche il motore ha soddisfatto i piloti del team Movistar Yamaha, ad aver creato problemi e dubbi è stato il calo dei tempi con gomme usurate.

Nessun problema con gomme nuove per fare i migliori giri sul tempo per le qualifiche, mentre il passo di gara è molto dietro i piloti di testa. Il miglior giro segnato dal numero 46 è stato di 1:29.470, undicesimo a 0,9s dal primo crono, ma Rossi dichiara di non aver nemmeno tentato l'attacco alla prima posizione di Maverick Vinales.

Pubblicità

Decisivi i test del Qatar

Motore, telaio ed elettronica sono a posto secondo entrambi i piloti, Vinales è veloce e costante e ancora primo dopo i test di Valencia e Sepang. Dopo 101 giri fatti l'ultimo giorno di prove, il miglior tempo del pilota spagnolo è stato segnato al venticinquesimo passaggio con 1:28.549. Anche per lui problemi per le gomme consumate, in particolare quella anteriore, mentre Rossi ha verificato un maggior consumo al posteriore.

Il 9 volte campione del mondo, che ha compiuto 38 anni il 16 febbraio, era stanco per i numerosi giri compiuti a causa delle diverse modifiche apportate per cercare di trovare quella giusta per l'usura dei pneumatici Michelin. Rossi spera di progredire in Qatar e migliorare l'assetto generale della sua M1 in modo che il campionato non parta in salita.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto