Ambiente e salute: averne cura significa qualità di vita; l'attenzione è sempre più alta, anche perchè sempre più alti sono i rischi, figli di un progresso non sempre coscienzioso, quanto dettato dal possibile profitto. Nel quotidiano, una lettura delle etichette aiuta a scegliere meglio i prodotti di più comune utilizzo domestico: non sono solo le vistose ciminiere inquinano, ma anche invisibili componenti in certi saponi, ad esempio, o nello shampoo antiforfora. Vediamo con maggior precisione come orientarci.

Pubblicità
Pubblicità

Nuove norme e ricerche Ismac-Cnr pongono l'Italia all'avanguardia contro il 'Marine litter' e l'abuso di plastica inquinante

'Marine litter', rifiuto marino: Legambiente informa che l'Italia, fino al 2012, guidava la classifica dei paesi europei col maggior consumo di sacchetti di plastica usa e getta, il 25% del totale venduto nel continente. Oggi la percentuale si è assai ridotta, complice il bando sugli shopper non compostabili. E per continuare su questa strada virtuosa, un emendamento alla finanziaria sancisce, dal 2019, lo stop ai cotton-fioc non biodegradabili, e, dal 2020, il divieto di produzione e commercio di cosmetici contenenti microplastiche.

Pubblicità

Indagini dell'Istituto per lo studio delle macromolecole del Cnr (Ismac-Cnr) di Biella hanno contribuito a questo iter normativo, ponendo l’Italia all'avanguardia nel contrastare il 'Marine litter', parte del progetto di sensibilizzazione 'Clean Sea Life', co-finanziato dal programma LIFE della Commissione Europea, con capofila il Parco Nazionale dell'Asinara.

Achtung, polietilene!

Sotto la lente dei ricercatori il polietilene (PE) che - secondo dati raccolti dall'Associazione europea dei produttori cosmetici 'Cosmetics Europe' attraverso un campione casuale di 30 tra farmacie, parafarmacie, profumerie e supermercati in 8 regioni italiane - rappresenta il 94% delle microplastiche presenti nei prodotti cosmetici.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Ambiente

Il risultato? Sono 81 i prodotti (di 37 aziende) in cui si rintraccia: circa l'80% in esfolianti, saponi struccanti e un antiforfora, oltre che in creme. Nella metà di questi, la sostanza incriminata si legge nelle prime quattro posizioni dell'elenco ingredienti, dopo l'acqua, e poco vale che alcuni si trovino sugli scaffali dedicati ai prodotti naturali.

Quale è l'accusa mossa all'imputato? Il polietilene è uno dei polimeri più utilizzati nel mondo, spaziando le sue applicazioni dalla plastica per imballaggi alle protesi mediche; ha una composizione chimica semplice, catene di atomi di carbonio, a ciascuno dei quali sono legati due atomi di idrogeno, e proprietà variabili secondo la struttura molecolare di tali catene.

La struttura cristallina che ne deriva è di elevata densità, il che si traduce in resistenza.

Sotto la sigla PE, eccolo in sacchetti, pellicole, rivestimenti interni di confezioni in cartone alimentari o flaconi per detersivi, tappi, giocattoli, tubi: insomma, è quasi ovunque. Perchè si rivela dannoso? Sostanzialmente, perchè non è biodegradabile e, gettato, diventa rifiuto non smaltibile nell'ambiente marino. Queste micropalline presenti in quantità più o meno alte nei cosmetici - per riprendere il punto di partenza - diventano pulviscolo di plastica intorno a noi: si stima che si arrivi a 24 tonnellate di riversamento quotidiano nei mari europei, col Mediterraneo fra i più ostruiti.

Pubblicità

Dunque ben vengano nuove direttive, per sensibilizzare, concretizzare le ricerche scientifiche e migliorare il nostro ecosistema, senza particolare fatica e con la consapevolezza di essere parte di una società davvero naturale.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto