Una recente ricerca condotta presso l'University College London ha osservato l'influenza della dieta abituale sui sintomi depressivi o la depressione clinica, attraverso l'analisi statistica dei dati sull'aderenza a diversi schemi o linee guida alimentari e indici dietetici specifici di alimentazione sana HEI e d'infiammazione dietetica. Secondo gli autori della ricerca esistono prove convincenti della relazione fra la qualità dell'alimentazione e la salute mentale, poichè le vie neurologiche coinvolte nella depressione possono essere modulate dall'assunzione dei nutrienti, infiammazione, stress ossidativo, microbiota intestinale e altri fattori.

Pubblicità
Pubblicità

I risultati di studi osservazionali precedenti

La depressione è una malattia psichiatrica con disturbi dell'umore, perdita di appetito, insonnia e minore interesse per la vita: nel mondo circa 300 milioni di persone sono malate con forme cliniche diverse che vanno dai sintomi lievi - che si manifestano in seguito ad un'evento particolarmente spiacevole - a forme persistenti e gravi che contribuiscono all'insorgenza di altre patologie.

Pubblicità

La ricerca statistica ha esaminato i risultati di 41 studi precedenti, 21 di tipo longitudinale verso gruppi specifici di persone per un certo periodo di tempo e 20 trasversali sull'associazione fra i diversi fattori coinvolti, usando indici specifici di aderenza alla dieta mediterranea, alimentazione sana, ipertensione e infiammazione dietetica e hanno dimostrato che i migliori risultati erano per la dieta Med e i peggiori per la pro-infiammatoria.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Corretta Alimentazione

Quattro studi longitudinali su 36.556 adulti con regime alimentare mediterraneo tradizionale ricco di frutta, verdura, legumi, noci, olio d'oliva e pesce hanno evidenziato la capacità della dieta di ridurre il rischio di depressione del 33% rispetto a un'alimentazione diversa. Cinque studi longitudinali hanno coinvolto 32.908 persone dell'Australia, Francia, Regno Unito, Spagna e Stati Uniti sottoposte a una dieta pro-infiammatoria, ricca di zuccheri, grassi saturi e alimenti lavorati, mostrando un'aumento dei sintomi depressivi.

Occorrono ulteriori ricerche

Secondo i ricercatori una dieta a base vegetale di tipo mediterraneo tradizionale può esercitare prevenzione e protezione nei confronti della depressione, ma occorrono ulteriori conferme. Le future ricerche sui nutrienti omega 3, zinco, magnesio e vitamine B, coinvolti nelle funzioni celebrali chiariranno la relazione fra alimentazione e depressione.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto